menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Con la Tares arrivano le multe, ma cala la produzione del residuo

Dall'inizio dell'anno ad oggi sono state contestate complessivamente 132 violazioni. Sono state inoltre inviate all'autorità giudiziaria quattro notizie di reato relative ad abbandono e gestione irregolare di rifiuti

L'abbandono dei rifiuti e il mancato utilizzo dei sacchi verdi marchiati Tares sono stati i principali disagi legati al nuovo sistema di raccolta del residuo, introdotto dall'inizio dell'anno. La Polizia locale ha intensificato a partire da gennaio l'azione di controllo sul territorio applicando le sanzioni previste dal regolamento per la gestione integrata dei rifiuti. Dall'inizio dell'anno ad oggi sono state contestate complessivamente 132 violazioni. Sono state inoltre inviate all'autorità giudiziaria quattro notizie di reato relative ad abbandono e gestione irregolare di rifiuti. Complessivamente i controlli relativi alla raccolta differenziata e all'abbandono di rifiuti nei primi 5 mesi del 2013 sono stati 121 in aree coincidenti o limitrofe ai punti di raccolta e 38 in aree diverse per un totale di 159 controlli.

Per quanto riguarda invece i dati sulla raccolta differenziata, nei primi mesi di quest'anno il residuo è calato del 22,7 per cento. I rifiuti differenziati raggiungono quindi il 74,63 per cento (78,30 per cento senza il contributo dello spazzamento), rispetto al 66,76 per cento dell'aprile 2012. Un notevole balzo in avanti dovuto anche al nuovo sistema di raccolta del residuo che porta i cittadini a differenziare con maggiore cura per ridurre al minimo la frazione del residuo che, come risaputo, influisce sulla quota variabile della tariffa TARES. Significativo anche il dato relativo alla quantità complessiva di rifiuti smaltiti in discarica, diminuita nei primi mesi del 2013 del 22,7 per cento rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Il valore medio della raccolta differenziata quest'anno è del 72,61 per cento contro il 66,21 per cento dell'anno scorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Attualità

Covid, il governo al lavoro per le riaperture: il piano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento