Cronaca Centro storico / Piazza Dante

"Sono positivo al covid": spacciatore prova ad evitare la perquisizione

Quando ha visto gli agenti avvicinarsi ha detto di essere positivo: è stato portato in Qustura e sottoposto a tampone

"Sono positivo al covid". Così un presunto spacciatore ha provato ad evitare la perquisizione da parte degli agenti, che lo avevano notato cedere qualcosa in cambio di denaro ad un passante. E' avvenuto a Trento, in piazza Dante, ovvero i giardini di fronte alla stazione ferroviaria. 

Gli agenti della Polizia Locale e della Squadra Mobile hanno fermato il cliente, trovandolo in possesso di circa 18 grammi di marijuana. Il ragazzo ha detto di aver appena acquistato la merce in piazza ed ha indicato l'extracomunitario.

Gli agenti a quel punto si sono rivolti a lui, che per tutta risposta ha dichiarato di essere positivo al coronavirus. La "minaccia" non ha spaventato i poliziotti, che hanno indossato i dispositivi di protezione individuale e proceduto con la perquisizione.

Addosso all'axtracomunitario sono stati trovati 65 euro, giudicati provento di spaccio. Il giovane è stato portato in Questura, dove ha nuovamente dichiarato di essere positivo. A quel punto è stata contattata l'Apss per avere conferma o smentita: in caso di positività l'extracomunitario avrebbe ricevuto anche una denuncia per epidemia colposa.

Dal confronto con la banca dati dell'Azienda sanitaria è però emerso che il ragazzo non risultava affatto positivo. E' stato comunque accompagnato al Pronto Soccorso dell'ospedale S. Chiara per essere sottoposto al tampone, risultato poi negativo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono positivo al covid": spacciatore prova ad evitare la perquisizione

TrentoToday è in caricamento