menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Colpisce l'ex coinquilino con un coltello, a casa ha una pistola: arrestato

Una storia nata in una situazione di dipendenza da droga, il 34enne si trova ora in carcere

E' un dramma nato in una situazione di dipendenza dalle droghe quello scoperto dai carabinieri della Vigolana, intervenuti per una lite scoppiata nei presi del Serd durante la quale un ragazzo era rimasto gravemente ferito. Una ferita da coltello. Ad impugnare l'arma l'ex coinquilino, ora arrestato.

Il 34enne, che ora si trova presso il carcere di Spini, condivideva la casa con una coppia più giovane, 26 anni lui e 25 lei. Tutti e tre avevano alle spalle una storia di tossicodipendenza, ma stavano provando ad uscirne insieme. 

E' proprio alle crisi di astinenza che i militari imputano i malumori tra i tre, sfociati varie volte in episodi di violenza fisica. Episodi che avevano portato la coppia a lasciare la casa ed a rivolgersi ai carabinieri, ai quali avevano raccontato che il coinquilino teneva in casa una pistola.

Al racconto dei due era seguita una perquisizione che aveva portato al ritrovamento dell'arma: una pistola vecchia, ma funzionante, subito sequestrata. In quell'occasione il 34enne aveva già rimediato una denuncia per detenzione abusiva di armi. 

Pochi giorni dopo i carabinieri di Trento sono intervenuti per l'aggressione davanti al Serd, trovandosi di fronte il giovane, che aveva aggredito la coppia con un coltello a serramanico, arrivando a colpire l'ex coinquilino. 

A quel punto è scattato l'arresto ed alla denuncia per porto abusivo di armi si sono aggiunte quelle per porto di oggetti atti ad offendere, minacce, lesioni  aggravate e possesso di stupefacenti. Il Procuratore ha disposto la misura cautelare in carcere. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento