rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Via Giuseppe Gilli

Trentino trilingue: dopo i concorsi i corsi, su indicazione del dirigente

Dopo i concorsi per cercare 160 nuovi docenti abilitati all'insegnamento Clil arrivano i corsi per gli "interni", incentrati sulla stessa modalità di insegnamento. La prima tranche prevedeva 54 posti ma le domande sono state 75. Rossi: "test positivo, cambiare si può"

Dopo i discussi concorsi con cui la Provincia dovrà reclutare 160 insegnanti abilitati per l'insegnamento di materie normali in lingua straniera (le domande sono state più di 2000) arrivano i corsi di formazione basati proprio sulla metodologia Clil, aperti a tutti gli insegnanti. I posti erano 54 ma le richieste sono state 75. "Il primo test è positivo, significa che cambiare si può - ha commentato il presidente Ugo Rossi, principale promotore del piano Trentino Trilingue - naturalmente daremo a tutti la possibilità di partecipare".

La paura degli insegnanti già inseriti nella scuola trentina, ma magari non stabilizzati, è quella di vedersi sorpassati dai nuovi assunti, abilitati all'insegnamento Clil. A questo proposito la Provincia precisa che nel corso del 2015 verranno comunque organizzati nuovi corsi, il cui accesso sarà su indicazione del dirigente scolastico.

La frequenza dei corsi non comporterà però nessun riconoscimento esterno al sistema scolastico provinciale: "l'obiettivo non è quello di trasformare un insegnante disciplinare in un insegnante di lingue ma far sì che l'insegnante disciplinare (per intenderci, di storia, fisica o quant'altro) che già conosce una lingua straniera potenzi le proprie competenze linguistiche e la propria metodologia al fine di poter insegnare secondo il metodo Clil" si legge in una nota diffusa oggi pomeriggio. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trentino trilingue: dopo i concorsi i corsi, su indicazione del dirigente

TrentoToday è in caricamento