rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca via Belenzani

Imis: prorogato il versamento della prima rata, a giugno il modello F24 a casa

Il primo atto del nuovo consiglio comunale è stata l'approvazione della proroga per il versamento della prima rata (50%) dell'Imis 2015, dato che il Ministero non ha ancora inviato i codici necessari. A giugno saranno inviati ai cittadini gli F24, ecco tutte le informazioni utili

Il Consiglio comunale, nella seduta di insediamento, ha approvato la proroga del termine di versamento dell'Imis 2015 dal 16 giugno al 15 luglio. La decisione è stata resa necessaria perché i tempi di rilascio dei codici di pagamento da parte del Ministero, indispensabili per utilizzare il modello F24, hanno impedito di procedere alla stampa ed alla spedizione del calcolo dell'imposta dovuta nei tempi che il servizio Tributi aveva programmato. Ecco tutte le informazioni utili:


I calcoli e i modelli F24 saranno inviati ai contribuenti a partire dai primi giorni di giugno. I primi ad arrivare saranno ovviamente quelli dei contribuenti che hanno lasciato il proprio indirizzo di posta elettronica. La distribuzione sarà comunque completata entro una decina di giorni. Il servizio Tributi rinnova l'invito a comunicare il proprio recapito di posta elettronica, che sarà utilizzato per gli invii successivi, inviando il modulo di richiesta, disponibile in formato compilabile sul sito internet del comune, nell'Area tematica Tributi, canoni e tariffe comunali, a questo indirizzo: tributi.comune.tn@cert.legalmail.it.  Il pagamento sarà possibile solo dal 1° giugno, in quanto il codice tributo verrà attivato dal competente Ministero solo a partire da quella data. 

La scadenza prorogata a metà luglio riguarda solo il versamento del 50% dell'imposta dovuta, che è annuale. L'invito ai contribuenti che riceveranno le comunicazioni relative all'Imis è quello di pagare l'importo indicato a titolo di acconto e di rivolgersi al servizio Tributi nel corso del secondo semestre, dopo la scadenza di pagamento. In questo modo potranno avere tutti i chiarimenti del caso senza dover perdere tempo, dal momento che nel periodo di scadenza l'attesa si allunga inevitabilmente.

Qualora ci fossero variazioni che comportano rimborsi a favore dei contribuenti, verrà effettuato un immediato conguaglio in vista del versamento del saldo di dicembre. I contribuenti che conoscono la rendita dei propri fabbricati possono autonomamente calcolare l'imposta dovuta, compilare e stampare il modello F24 collegandosi al sito internet del Consorzio dei comuni trentini (www.consulenza.comunitrentini.tn.it/imis/2015/_app/login.php). Il servizio Tributi ricorda che l'ufficio Imposte è impegnato fino alla scadenza del versamento a rispondere alle richieste dei contribuenti e suggerisce, per evitare lunghe code o attese al telefono, di presentare eventuali domande preferibilmente tramite posta elettronica, utilizzando l'indirizzo tributi.comune.tn@cert.legalmail.it. Con questo strumento si evitano le attese e si ottiene una risposta scritta e veloce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Imis: prorogato il versamento della prima rata, a giugno il modello F24 a casa

TrentoToday è in caricamento