menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Risse e droga: stop della Questura ad una discoteca e ad una sala giochi del centro

Chiusi temporaneamente un circolo privato a Trento Nord ed una sala giochi del centro storico

Risse, spaccio, problemi per l'ordine pubblico: sono queste le motivazioni che hanno portato il Questore di Trento a sospendere l'atività in due locali pubblici cittadini. Una discoteca di Trento Nord, che già in passato era stata oggetto di ordinanze simili, ha chiuso i battenti a partire dal 26 novembre, per un mese.

Il secondo provvedimento riguarda una sala giochi del centro storico ei pressi della quale, scrive la Questura, "si erano verificati episodi che nel loro insieme avevano costituito un pericolo per l'ordine pubblico". Anche in questo caso porte chiuse, ma solo per 15 giorni, dal 30 novembre.

Sui due locali c'è il massimo riserbo. Nella nota si parla solamente di "fatti di microcriminalità la cui intensità era andata via via crescendo nel tempo e per impedire la conseguente e diffusa preoccupazione della zona denunciato dai cittadini residenti".

"Va dato atto - scrive il Questore - che c'è uno sforzo comune tra i gestori di discoteche e dei servizi di controllo di intrattenimento e spettacolo e il Ministero dell'Interno, reso operativo in un protocollo d'intesa, sottoscritto il 9 maggio al Commissariato del Governo di Trento, volto a garantire una crescente cultura della legalità tra i frequentatori dei locali pubblici. Questi fatti non diminuiscono l'importante lavoro svolto da tutti gli attori del mondo dei locali pubblici che si impegnano costantemente per fornire un servizio alla collettività". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rischia la zona rossa? 

Attualità

Classificazione Trentino, Fugatti dà un'interpretazione: «riteniamo che per la settimana prossima la situazione possa restare invariata»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento