menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Servizio Vodafone "recall" a pagamento: istruttoria dell'antitrust partita da Trento

Il Centro consumatori di Trento ha girato le segnalazioni di molti utenti direttamnte all'Antitrust che ha aperto un'istruttoria: i servizi "recall" e "chiamami" diventano a pagamento ma sembra che vi siano difficoltà nel disattivarli. Gli utenti non possono scegliere se usarli o meno

Un'altra istruttoria dell'Antitrust per verificare il rispetto dei diritti dei consumatori avviata grazie ad una segnalazione del Centro Tutela Consumatori ed Utenti di Trento: questa volta a finire sotto la lente d'ingrandimento dell'autorità per la concorrenza è la compagnia telefonica Vodafone che ha inviato nei mesi scorsi ai propri clienti un sms per avvisare che i servizi gratuiti "chiamami" e "recall" d'ora in poi saranno a pagamento. Molti utenti si sono rivolti allo sportello di piazza Raffaello Sanzio per chiedere chiarezza.

Anzitutto i servizi vengono attivati in maniera automatica dal gestore senza passare per l'esplicito consenso dell'utente. In secondo luogo il messaggio di avviso non era chiaro sul costo del servizio: "6 centesimi solo quando lo usi" questa la frase contenuta nell'sms della Vodafone ma non si tratta di un servizio che il cliente "usa" bensì di un meccanismo automatico. Molte sono state infatti le segnalazioni di utenti che hanno avuto difficoltà a disattivare questi servizi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento