Durante un controllo dà il nome della 'amica', poi prende a calci i carabinieri: denunciata (e ricoverata)

L'episodio a Bolzano nella notte tra mercoledì e giovedì, verso le 2:20

Si trovava con un uomo quando è stata fermata dai carabinieri per un controllo e ha fornito le generalità di una conoscente ma è stata subito smascherata. A quel punto si è scagliata contro i militari sferrando calci e sputando. L'episodio è accaduto a Selva di Val Gardena, Alto Adige, nella notte tra mercoledì e giovedì, alle 2:20.

La vicenda ha avuto inizio quando una pattuglia ha notato due giovani camminare lungo la strada al buio e si è fermata per verificare. Il ragazzo si è messo a correre ed è entrato in un bosco, facendo perdere le proprie tracce. Mentre la giovane - una 18enne del luogo - ha dato nome e cognome di una sua 'amica'. Uno dei carabinieri però conosceva la persona indicata e quindi ha capito che stava mentendo.

La ragazza - si legge in una nota dei carabinieri di Selva - era in stato confusionale e quando i militari le hanno chiesto un documento ha dato di matto ed è stata bloccata non senza fatica. Nel frattempo sul posto è arrivato il 118 che ha accompagnato la giovane all'ospedale di Bolzano dove, arrivata ancora molto agitata, è stata sedata e ricoverata in osservazione. 

La 18enne è stata denunciata a piede libero per violenza, resistenza, minaccia, oltraggio e lesioni un pubblico ufficiale, rifiuto d’indicazioni sulla propria identità, falsa attestazione sulla identità propria personale. Non sono ancora chiare le ragioni alla base della sua reazione sconsiderata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento