Punto da vespe mentre lavora nei boschi, va in shock anafilattico

L'allarme è scattato poco prima delle 11 a Pozza di Fassa dove un uomo che stava lavorando alla manutenzione di un sentiero è stato punto da vespe: sembra ne siano bastate due, che hanno punto ripetutamente, a causare un grave shock anafilattico, poi risolto grazie al tempestivo intervento dell'automedica

Sono bastate due vespe a causare uno shock anafilattico ad un uomo di Pozza di Fassa soccorso questa mattina dal personale del 118 che, con l'adeguata terapia farmacologica necessaria in questi casi, ha fortunatamente stabilizzato, direttamente sul posto, una situazione che in casi simili può diventare davvero grave.

L'allarme è scattato verso le 10.45: l'autosanitaria della postazione di Pozza con infermiere a bordo è intervenuta sul luogo, nei boschi attorno al paese dove l'uomo, tra i 40 ed i 50 anni, stava eseguendo dei lavori di manutenzione su un sentiero.

Data la gravità della situazione è stato inviato anche l'elicottero del 118, pronto a trasportare l'uomo a Trento nel caso la situazione non si fosse risolta. E' stato invece curato tempestivamente, e trasportato dall'ambulanza della Croce Rossa di Moena al Pronto Soccorso di Cavalese per accertamenti. Si tratta del secondo caso in una settimana: clicca qui. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lanterne in ogni casa per Natale: il Comune le recapiterà a tutti i trentini

  • Trentino zona arancione? Fugatti: "Si saprà domani"

  • Il Trentino rimane zona gialla: ordinanza del Ministro, per ora non cambia nulla

  • Trentino giallo, arancione o rosso? Fugatti non esclude niente

  • Coronavirus: 14 decessi in Trentino. Fugatti: "Restiamo zona gialla ma il numero di ricoveri è critico"

  • Bollettino coronavirus: +276 positivi e 3 decessi in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento