Università, raccolta di firme: "A Trento 16.396 iscritti e solo 1.777 posti studio"

Il Collettivo universitario Refresh, che già lo scorso anno aveva ottenuto la riapertura del Cial di via Verdi a Trento, ha promosso l'idea di raccogliere firme (330 quelle raccolte) nelle varie facoltà del centro e davanti alle biblioteche

All'università di Trento sono iscritti 16.396 studenti e studentesse e i posti studio disponibili nel polo di città sono solamente 1.777. Il Collettivo universitario Refresh, che già lo scorso anno aveva ottenuto la riapertura del Cial di via Verdi a Trento per avere più posti studio, ha quindi promosso l'idea di raccogliere firme - hanno aderito in 300 - nelle varie facoltà del centro e davanti alle biblioteche chiedendo ai firmatari di immaginare un percorso collettivo che miri alla risoluzione del problema.

Gli studenti ricordano che "il taglio di 150 posti è stato imposto con rigoroso successo anche quest’anno e il Rettore, pur riconoscendo il problema dei posti studio come reale, continua a prendere decisioni escludendo la maggioranza della componente universitaria e proponendo soluzioni-tappabuco provando a far tacere le lamentele. Quest'anno nuovamente ci ritroviamo con lo stesso problema, visibilmente aggravato dalla chiusura di alcune aree della Buc in determinati orari (la sera e durante i weekend). Abbiamo dunque sentito l'esigenza di riprendere in mano la questione e di confrontarci per capire come rompere questo silenzio, intraprendendo così un lavoro di inchiesta che ci ha messo di fronte a numeri alquanto preoccupanti". Il prossimo passo è confrontarsi con chi ha firmato e, si legge in una nota del Collettivo, "con chi avrebbe voluto farlo, vedendosi negato un diritto, al pari di borse di studio e posti alloggio". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Stelle Michelin: due novità e sette conferme in Trentino

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Poche speranze per gli impianti sciistici, anche se l'Rt è in calo: arrivano i ristori

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

  • Tragedia a Preore, auto esce di strada: è deceduta una persona

Torna su
TrentoToday è in caricamento