L'esprienza

Centinaia di trentini in partenza per Lourdes

La provenienza dei partecipanti è distribuita su tutto il territorio provinciale con prevalenza di chi abita nel capoluogo e sull’asse della Valle dell’Adige

Sono 238 i trentini in partenza per il 103° pellegrinaggio diocesano al santuario mariano di Lourdes in programma dall’8 all’11 settembre. A guidarli l’arcivescovo Lauro Tisi. Un’attenzione particolare sarà riservata ai 21 ammalati presenti, con cinque medici, tre infermieri e una quarantina di volontari (tra dame e barellieri), coordinati da Ospitalità Tridentina.

Un primo gruppo di 44 persone raggiungerà Lourdes in pullman, partendo da Trento (Lungadige Monte Grappa) alle ore 20:00 di giovedì 7 settembre. Per altre 187 persone la partenza da Trento è fissata venerdì 8 settembre alle ore 7:00, sempre da Lungadige Monte Grappa, con destinazione l’aeroporto di Bergamo. Un gruppo familiare di sette persone viaggerà infine per conto proprio e si aggregherà al pellegrinaggio direttamente a Lourdes. La provenienza dei partecipanti è distribuita su tutto il territorio provinciale con prevalenza di chi abita nel capoluogo e sull’asse della Valle dell’Adige. Ben rappresentate sono anche la Val di Fiemme e la Val Rendena.

La lettera di Don Lauro

“Incroceremo sguardi noti e talora nuovi, ma soprattutto volti concreti - scrive don Lauro ai propri compagni di viaggio -. Apprezzeremo la bellezza di questi volti, di braccia e mani stanche che cercano sostegno, di altrettante braccia e mani pronte ad avvolgere e sostenere, incoraggiare e sospingere. Mentre sui social si fa narrazione di morte, ci sono miliardi di uomini e donne che si sono alzati questa mattina e hanno messo sé stessi a servizio degli altri e miliardi di uomini e donne che questa sera renderanno grazie perché qualcuno li ha incontrati, li ha abbracciati, ha voluto loro bene. Andare a Lourdes sarà come correre a riconciliarci con lo sguardo e con l’incontro reale con questi uomini e donne”.

A fare da sfondo al pellegrinaggio sarà il testo della lettera alla comunità scritta da don Lauro in occasione del patrono San Vigilio, dal titolo “Lievito e sale”, che ad oggi ha raggiunto la tiratura di ben 25 mila copie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centinaia di trentini in partenza per Lourdes
TrentoToday è in caricamento