rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca Centro storico / Via Rodolfo Belenzani

Nepal, la solidarietà non si ferma

Quasi 500 mila euro raccolti dalle iniziative di Provincia Autonoma di Trento, Cai, Trento Film Festival e dall'associazione "Oskar for Langtang" che vuole costruire un centro polifunzionale antisismico per ospitare 70 orfani della valle del Langtang

Ad un anno dal violento terremoto che il 25 aprile 2015 ha devastato il Nepal, causando oltre ottomila morti, tra cui anche tre trentini, Renzo Benedetti, 60 anni di Segonzano, Marco Pojer 58 di Grumès, e Oskar Piazza, 55enne speleologo del Soccorso alpino trentino, non si ferma la solidarietà a favore delle popolazioni nepalesi.

L’Associazione “Oskar for Langtang”, nata all’indomani del sisma proprio in memoria di Oskar Piazza, si propone di raccogliere fondi per la ricostruzione del villaggio di Langtang: ad oggi sono stati raccolti 102 mila euro che servono per costruire un centro polifunzionale antisismico adibito a convitto con camere, sala mensa e cucine per ospitare 70 orfani della valle del Langtang.

La campagna di solidarietà lanciata dalla Provincia di Trento, grazie anche all'aiuto della Nazionale Cantanti, ha raggiunto invece quota 183.953 euro, mentre la mobilitazione del Club Alpino italiano, assieme al Trento Film  Festival, che nel corso dell'edizione 2015 aveva scelto di destinare un euro per ogni biglietto venduto, ha raggiunto quota 150 mila euro.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nepal, la solidarietà non si ferma

TrentoToday è in caricamento