Un'altra tragedia sul lavoro: operaio trovato morto nella vasca dell'acquedotto

L'uomo si trovava al lavoro, da solo, in una delle vasche dell'acquedotto del Bleggio. Sul fatto indagano i carabinieri di Ponte Arche

Un altro dramma sul lavoro nelle valli Giudicarie, dopo la tragica morte di Paolo Valenti, boscaiolo 36enne che ha perso la vita tagliando un albero ieri. Questa volta la vittima è l'operaio di una ditta privata che sta provvedendo alla manutenzione della rete idrica del Bleggio.

Christian Bertoni, 50 anni, di Roncone, è stato ritrovato senza vita con il corpo immerso per metà in una delle vasche dell'acquedotto, lungo la strada che conduce al passo del Duron.

La disgrazia si sarebbe consumata senza testimoni. L'uomo si trovava al lavoro da solo, ed è stato trovato senza vita dai colleghi attorno alle 13.30. Sul posto si è portato anche l'elicottero del 118, ma ai soccorritori non è rimasto altro da fare che constatare il decesso.

Nel frattempo i carabinieri indagano sull'accaduto. Se è vero che non vi sono dubbi sulla morte per annegamento rimangono però aperte molte piste sulla causa della caduta dell'uomo, a testa in giù, nel pozzetto. Non si esclude un malore.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto precipita nella scarpata: morta ragazza di 18 anni

  • Alla guida completamente ubriaca provoca incidente davanti ai carabinieri

  • Scivola e precipita in un dirupo: donna muore sotto gli occhi del marito

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Boscaiolo morto a Tione: è Paolo Valenti, papà di tre figli ed ex calciatore

Torna su
TrentoToday è in caricamento