menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Istat, in Trentino Alto Adige la spesa più cara d'Italia

Una famiglia in regione arriva a spendere fino a tremila euro contro i 1750 della Calabria (ultima in classifica). In generale la spesa media mensile delle famiglie italiane si attesa a 2.489 euro. Le famiglie composte solamente da stranieri spendono mediamente 1.645 euro al mese

Fare la spesa in Trentino Alto Adige costa più che in ogni altra regione italiana. Lo dicono i dati Istat relativi al 2014. Una famiglia della regione riesce a spendere in un mese fino a 3.073,54 euro al supermercato, contro i 1757 euro delle famiglie calabresi, ultime in classifica.

In generale la spesa media mensile delle famiglie italiane si attesa a 2.489 euro: ma anche il "carrello" (alimentare e non) nel Belpaese continua a segnare un divario nord-sud. Nel mezzogiorno, infatti, secondo i dati Istat la spesa media mensile risulta di 1.959 euro, al nord di 2.790 euro, un valore più alto del 42,4%. La differenza è di ben 831 euro.

Guardando alla composizione della famiglia sono naturalmente le coppie con 2 e più figli quelle che più mettono mano al portafoglio: per loro la spesa media mensile a livello nazionale oscilla infatti intorno ai 3.230 euro. Al contrario, quella più bassa si registra per la persona sola con più di 64 anni (1.630 euro).
A pesare di più per tutti sono le spese per l'abitazione (che rappresentano in media il 36,7% del totale) mentre le spese alimentari sono il 17,5%; poi i trasporti (10,3%), il tempo libero (4,9%) e il vestiario (4,6%). Così la spesa alimentare viaggia mediamente sui 436 euro al mese. Dagli ultimi dati dell'Istituto di statistica si evince, inoltre, che le famiglie composte solamente da stranieri spendono mediamente 1.645 euro al mese, 844 euro in meno delle famiglie di soli italiani.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Apre il primo drive through vaccinale a Trento

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento