Rifiuti liquidi nel torrente Cismon, sotto indagine una ditta di Trento

E' stata depositata in Procura la documentazione prodotta dalle indagini della Guardia Forestale per un caso di inquinamento delle acque del torrente Cismon in Primiero. Sotto accusa una ditta che aveva in appalto dalla Provincia la verniciatura delle gallerie: gli operai avrebbero riversato i liquidi di scarto nel torrente

Sono stati segnalati alla procura i titolari di un'azienda trentina specializzata nella manutenzione e verniciatura di gallerie e strade in seguito alle indagini condotte dal Nucleo Operativo Specialistico della Guardia Forestale per un caso di inquinamento del torrente Cismon in Primiero dove la ditta avrebbe riversato, per disfarsene, varie tonnellate di rifiuti liquidi provocando abbondanti schiume e alterazione del colore delle acque del torrente.

La condotta dolosa di alcuni operai della ditta, in almeno cinque notti durante i lavori di verniciatura delle gallerie, è stata documentata dalla Guardia Forestale che, in collaborazione con il Servizio gestione Strade della Provincia, ha analizzato le immagini delle telecamere delle gallerie che portano nella zona del Primiero, ed ha inoltre eseguito sopralluoghi nel cantiere e nella sede della ditta, osservazioni notturne e analisi su campioni prelevati dal torrente. La documentazione prodotta dalle indagini è al vaglio dell'Autorità Giudiziaria. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comune mette all'asta le biciclette abbandonate

  • Città più pericolose d'Italia: Trento è al 64° posto

  • Auto contromano: il camion si mette in mezzo ed evita la tragedia

  • Trento, bicicletta centrata da un'auto: donna molto grave

  • Lago di Garda, ecco il progetto della prima pista ciclabile subacquea del mondo

  • Tornano le domeniche gratis nei musei e nei castelli

Torna su
TrentoToday è in caricamento