menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Romeno, fugge dopo l'incidente lasciando l'amica tra i rottami dell'auto

L'autista, neopatentato, si è fatto vivo solamente nel pomeriggio seguente, presentandosi spontaneamente dai carabinieri. Sarebbe il terzo caso in tre mesi: "E' un fenomeno che sta prendendo piede in maniera preoccupante" spiega il capitano Nunzio Stanco

Assume dei tratti inquietanti la vicenda dell'incidente avvenuto la notte del 12 febbraio nei pressi di Romeno, Val di Non. I carabinieri della stazione di Cles sono arrivati a denunciare il conducente, neopatentato, per omissione di soccorso. L'auto, dopo essere uscita di strada ed aver divelto un lampione, era finita contro un albero.

Il ragazzo alla guida ed un altro passeggero erano riusciti ad uscire dal veicolo mentre una ragazza, gravemente ferita (diverse fratture, prognosi di 35 giorni) era rimasta bloccata all'interno del rottame. Un altro automobilista, vedendo l'auto fuori strada, si era fermato a prestare soccorso ed i due ragazzi, sapendo che la ragazza era comunque in buone mani, avevano abbandonato il luogo dell'incidente senza attendere l'arrivo delle ambulanze e delle forze dell'ordine.

La denuncia è solamente a carico del neopatentato: si presume, visto che in casi del genere è imputabile il conducente. Il ragazzo si è fatto vivo solamente nel pomeriggio seguente, confessando quanto accaduto ai carabinieri. Il sospetto è che sia fuggito per  non incorrere nell'alcoltest, ma l'omissione di soccorso ha delle conseguenze ben più gravi: ritiro della patente per un periodo non inferiore ad un anno e sei mesi, e fino a cinque anni. 

"Non è la prima volta che i militari della Compagnia di Cles perseguono condotte del genere. Nel più recente passato, infatti, casi del genere si sono verificati nel centro abitato di Cles ed in Andalo. In entrambe le occasioni il conducente di uno dei veicoli coinvolti nel sinistro si è dato alla fuga senza prestare soccorso alle persone rimaste ferite nella circostanza. Tutte e due le volte è stato identificato e denunciato" spiegano i carabinieri in una nota. 

"È importante tener presente che responsabilità in ordine al mancato soccorso sussistono in capo a qualsiasi conducente coinvolto in un incidente stradale con feriti, indipendentemente dalla sussistenza di responsabilità dirette, e che tutte le volte in cui si resta coinvolti in un incidente stradale non bisogna allontanarsi ovvero rendersi irreperibili prima dell’intervento delle forze dell’ordine".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Restrizioni, quando ci si potrà spostare tra regioni

Attualità

Due nuovi vaccini anti-Covid in arrivo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento