Martedì, 16 Luglio 2024
L'inchiesta

La Procura di Trento indaga sul bypass per inquinamento e disastro ambientale

Aperto un fascicolo contro ignoti. Nel cantiere carabinieri del Noe e tecnici Appa

Sul bypass ferroviario, una delle opere principali del presente e del futuro di Trento, così come una di quelle più contrastate, entra in campo la Procura. Infatti, è notizia delle ultime ore l’apertura di un fascicolo contro ignoti con l’ipotesi di inquinamento e disastro ambientale, con riferimento ai lavori per la realizzazione della circonvallazione che cingerà Trento.

La decisione

Sono i carabinieri del Noe (Nucleo Operativo Ecologico) e i tecnici dell’Agenzia provinciale per l’ambiente a condurre le verifiche per l’indagine affidata dal procuratore Sandro Raimondi e dal pm Davide Ognibene.

L’ultima protesta dei No Tav: Trento paralizzata

Una decisione che arriva dopo che i comitati No Tav hanno presentato un esposto preoccupati soprattutto per i lavori a ridosso delle aree dell’ex Sloi e Carbochimicha e per i possibili danni alla salute che potrebbero provocare gli stessi lavori.

La precisazione di Piazza Dante

Sul tema è intervenuta anche la Provincia con un comunicato che riportiamo: “Si fa seguito alle notizie apparse sulla stampa in relazione alle attività di controllo che in questi giorni sono state effettuate a Trento da parte dei tecnici di Appa e personale del corpo dei carabinieri del Noe all’interno del cantiere del bypass ferroviario. Le amministrazioni provinciale e comunale confermano la assidua presenza degli Enti di controllo nel cantiere di quest’opera di grande rilevanza. Queste attività, assieme a quanto svolto dall’Osservatorio, garantiscono un alto livello di vigilanza sull’andamento dei lavori, su cui restano evidentemente ferme le prerogative di altre Istituzioni rispetto ad eventuali violazioni ambientali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Procura di Trento indaga sul bypass per inquinamento e disastro ambientale
TrentoToday è in caricamento