Lavis, fiamme alla Legoprint: 50 operai evacuati

Le fiamme si sono sviluppate nella cabina elettrica, sul posto hanno lavorato fino al mattino i vigili del fuoco volontari di Lavis e i permanenti di Trento. Evacuati i 50 operai in turno e ieri lo stabilimento è rimasto chiuso

Ci sarebbe un cortocircuito all'origine dell'incendio divampato la scorsa notte allo stabilimento Legoprint in zona industriale a Lavis. L'Allarme è scattato attorno alle tre. Le fiamme si sono sviluppate nella cabina elettrica facendo saltare la corrente in tutto lo stabilimento e causando lo stop alla produzione. Sul posto hanno lavorato fino al mattino i vigili del fuoco volontari di Lavis e i permanenti di Trento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'allarme è stato lanciato dei dipendenti del turno di notte.  Ancora da valutare i danni, che sarebbero ingenti. La cabina elettrica dovrà essere interamente sostituita. Gli inquirenti escludono si possa trattare di un gesto doloso. Ieri la produzione è rimasta ferma per tutta la giornata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Elezioni nelle Circoscrizioni: ecco i risultati

  • Bomba da disinnescare: autostrada, statale e ferrovia del Brennero bloccate

  • Referendum in Trentino: ecco i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento