Due case date alle fiamme in Val dei Mocheni. Il sindaco mette le foto su facebook:"Ti prego fermati"

Terzo caso in una settimana, quasi certo il dolo. Il sindaco: "Una mente malvagia, che spero abbia goduto abbastanza". Evacuate le famiglie, notte di lavoro per i pompieri

Il fienile in fiamme, foto del sindaco Stefano Moltrer

Un devastante incendio ha distrutto due abitazioni a Palù del Fersina, nella frazione Lenzi. Le fiamme sono scaturite nella notte tra martedì 8 e mercoledì 9 gennaio, e sono di chiara origine dolosa. Si tratta del terzo caso in una settimana. Le scorse volte però furono presi di mira fienili e legnaie, mai abitazioni.

All'interno delle case qualcuno era già andato a dormire. Questa volta è stata sfiorata la tragedia. Fortunatamente nessuna persona è rimasta coinvolta nell'incendio. Non si contano i danni alle due abitazioni, gravemente compromesse, mentre una terza struttura, un fienile, è stata completamente carbonizzata.

I Vigili del Fuoco sono intervenuti per spegnere le fiamme, attorno alle 11 quando la telefonata è arrivata alla centrale. L'intervento si è concluso all'alba. I residenti delle due case sono stati evacuati ed hanno passato la notte fuori casa.

Esasperato il sindaco Stefano Moltrer, che ha partecipato alle operazioni di soccorso per tutta la notte e poi ha deciso di pubblicare su facebook le impressionanti immagini del rogo, seguite dall'appello al piromane: "Ti prego fermati! Se il dolo si confermasse, la mente è davvero malvagia dietro a tutto ciò e spero si sia sfogata abbastanza e abbia a suo modo goduto a sufficienza".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tre casi in una settimana - ricorda il sindaco rompendo il silenzio sui social network - Penso a quello che poteva succedere anche questa volta, a quello che è successo: danni ingenti, grande pericolo per quelli che già dormivano, grande pericolo per quelli che stanno ancora lavorando per bonificare quello che resta. Per fortuna danni solo a cose materiali ma poteva andare molto peggio". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento