rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Vittime della strada: il 21 novembre in loro ricordo

Giorgio, Tatiana, Lorenzo, Franz, Denis, Giorgio, Roberto, Marco, Andrea. Sono solo una parte delle persone che hanno perso la vita sulle strade trentine nel 2021

Giorgio, Tatiana, Lorenzo, Franz, Denis, Giorgio, Roberto, Marco, Andrea. Sono solo una parte delle persone che hanno perso la vita sulle strade trentine nel 2021. La terza domenica di novembre si celebra la "Giornata mondiale in memoria delle vittime della strada", un momento di ricordo e riflessione che viene dedicato ogni anno alle vittime di incidenti stradali e ai loro familiari.

Questa giornata venne proclamata  per la prima volta dall'Onu (Organizzazione delle Nazioni Unite) nel 2005. Lo stesso giorno ricorre anche la "Giornata nazionale in memoria delle vittime della strada, istituita dalla legge 29 dicembre 2017, n.227.

Gli incidenti in Trentino nell'ultimo anno

Come rilevato dalla Questura, la sicurezza stradale è una delle maggiori criticità che i Paesi Europei devono affrontare. L'impegno di tutti è quello di azzerare il numero delle vittime della strada entro il 2050, nonché nel 2030 di ridurre del 50% il numero sia delle vittime sia dei feriti gravi. 

Obiettivi questi, il cui raggiungimento non deve essere utopico per l'Europa, ma soprattutto per quelle famiglie che perdono un parente, vittima di condotte di guida imprudenti. Lo sforzo della Polizia di Stato, attraverso la Polizia Stradale, per contenere il numero dei sinistri mortali si esprime nelle oltre 397mila pattuglie schierate sul territorio dall'inizio dell'anno, che hanno permesso di accertare più di un milione e mezzo di infrazioni, di ritirare 21mila e 255 patenti di guida, con 2 milioni 477mila e 333 punti decurtati.

Gli incidenti stradali, però, sono causati nella maggior parte dei casi dai comportamenti sbagliati dei conducenti e dal mancato rispetto del codice della strada. È una questione di responsabilità individuale. I controlli di polizia, da soli, non potranno mai essere sufficienti se, contemporaneamente, chi si mette alla guida non mostra attenzione con la propria condotta, al rispetto della vita propria ed altrui.

Per questo motivo l'obiettivo della Polizia di Stato è quello di sensibilizzare gli automobilisti sui rischi derivanti da comportamenti errati alla guida, anche attraverso campagne di prevenzione ed informazione sulla sicurezza stradale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vittime della strada: il 21 novembre in loro ricordo

TrentoToday è in caricamento