Cronaca Centro storico / Via Rodolfo Belenzani

Gioco d'azzardo, firmato protocollo per contrastare il fenomeno

Solo nel 2011 si è passati da 98 milioni di euro giocati nel mese di gennaio, a 134 nel mese di dicembre (i dati sono regionali), con un aumento del 36% in 12 mesi. In totale giocati 1 miliardo e 332 milioni

Il fenomeno del gioco d’azzardo in Italia e in Trentino è in costante ascesa, come documentato dai dati che l'Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato pubblica mensilmente sul proprio sito. Solo nel corso del 2011 si è passati da 98 milioni di euro giocati nel mese di gennaio, a 134 nel mese di dicembre (i dati sono regionali), con un aumento del 36% in 12 mesi. In totale sono stati giocati 1 miliardo e 332 milioni di euro (una cifra analoga viene spesa annualmente per finanziare l'intero sistema sanitario trentino). Vista la diffusione spazio temporale delle opportunità di gioco, il settore è in forte aumento e nemmeno la crisi economica ne ha rallentato l’espansione. Il fenomeno è trasversale, coinvolge uomini e donne, giovani e anziani; variano invece in base al target le tipologie di gioco e i luoghi in cui questa attività è svolta. 

Per contrastare il fenomeno, partirà oggi a Palazzo Geremia e proseguirà nella giornata di domani presso l'aula Kessler della Facoltà di sociologia dell'Università di Trento "GioGo d'azzardo", una due giorni aperta a soggetti del mondo economico, finanziario, sociale e sanitario interessati a diverso titolo alla problematica dell'azzardo: operatori e direttori di casse rurali, baristi, tabaccai, esercenti, giornalisti e amministratori comunali, per approfondire questo fenomeno dilagante e discutere insieme su quello che è possibile fare per la tutela dei cittadini.
 
L'appuntamento, organizzato dall'Associazione Auto mutuo aiuto (Ama), dal Comune di Trento e dall'Azienda provinciale per i servizi sanitari, in collaborazione con gli enti rappresentativi delle categorie partecipanti, è stato preceduto stamattina, nella Sala Falconetto di Palazzo Geremia, dalla firma ufficiale del documento Alleanza per la tutela e la responsabilità condivisa per il contrasto e la prevenzione del gioco d'azzardo patologico.
 
I soggetti firmatari si impegnano alla prevenzione e al contenimento delle conseguenze sociali del gioco d'azzardo, nell'ambito delle rispettive competenze. L'accordo, sottoscritto oggi da Comune di Trento, Associazione AMA – auto mutuo aiuto, Provincia Autonoma di Trento, Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari, Comune di Rovereto, Casse Rurali Trentine, Consorzio Comuni Trentini, Confesercenti, Ordine dei Giornalisti, Coordinamento Nazionale delle Comunità d'Accoglienza (CNCA), Federazione Italiana Tabaccai (FIT), CONSOLIDA, Caritas, rimane aperto all’adesione e all’apporto di altri soggetti che si riconoscono nelle finalità indicate e che hanno interesse a collaborare concretamente.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gioco d'azzardo, firmato protocollo per contrastare il fenomeno

TrentoToday è in caricamento