Giada se n'è andata a 10 anni per un malore. "Un fiore che stava per sbocciare"

"Un fiore che non è riuscito a sbocciare, un dolore immenso". Così il sindaco di Ton esprime il lutto di un'intera comunità

La comunità di Ton e l'intera Val di Non i lutto: Giada se n'è andata a soli dieci anni. "Un dolore enorme per tutta la comunità, un piccolo fiore che stava per sbocciare ma non è riuscita a farci vedere i suoi petali". Queste le commoventi parole del sindaco, per esprimere il cordoglio dell'intero paese e la vicinanza alla famiglia Paternoster. La bambina aveva avuto un malore improvviso sabato scorso, 18 luglio. Un arresto cardiaco che aveva fatto scattare l'intervento d'urgenza del 118. I soccorritori erano arrivati sul posto in elicottero per poi ripartire con a bordo la piccola, destinazione ospedale S. Chiara. 

Giada era poi stata trasferita in gravi condizioni all'ospedale di Bergamo dove, purtroppo, non ce l'ha fatta. "Negli ultimi anni - scrive in un post su Facebook il sindaco Angelo Fedrizzi - siamo stati colpiti da diverse disgrazie , abbiamo perso persone e ragazzi a cui tutti eravamo legati. Non si pensa mai a queste cose specialmente non pensi che una bambina che ha appena iniziato a vivere ci possa lasciare senza aver avuto la possibilità di poter credere che la vita è bella. Non mi voglio dilungare in discorsi che poi potrebbero anche sembrare noiosi voglio solo far sapere ai genitori , al fratellino, alla sorellina e a tutti i parenti e famigliari , che la comunità di Ton è loro vicina in questo momento dove un abbraccio può dire tante cose".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

  • Droga a Trento, maxioperazione all'alba: i carabinieri arrestano 23 persone

  • Università: 64 docenti e ricercatori di Trento tra i più citati al mondo

Torna su
TrentoToday è in caricamento