menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Parte della refurtiva ritrovata dalla Polizia

Parte della refurtiva ritrovata dalla Polizia

Scappano lanciando la borsa col "bottino" ma vengono bloccati, accusati di una serie di furti in città

Ladri "trasfertisti" da Torino, uno dei due è minorenne. Fermati dopo l'ennesimo furto in via Briamasco

Anelli, braccialetti, collanine e perfino le fedi nuziali e gli occhiali con montatura d'oro. Sono stati ritrovati in una borsa, gettata dai ladri in fuga, i gioieli rubati ad una signora sessantenne in via Briamasco. La donna era uscita di casa per andare alle poste ed i due malviventi, che probabilmente monitoravano da qualche giorno le sue abitudini quotidiane, ne hanno approfittato per entrare in casa. 

Si tratterebbe, ma questo lo stabiliranno le indagini che sono ancora in corso, solamente di una delle tante case "visitate" dai due nei giorni scorsi, in città ed in collina. I due, un ragazzo ed una ragazza, poco prima del furto in via Briamasco, erano stati segnalati nel quartiere di Madonna Bianca. L'informazione era stata diffusa a tutte le pattuglie in servizio in città e quando una delle volanti li ha visti fuggire con una borsa è andata a colpo sicuro.

I due nella fuga si sono liberati del bottino. Sono stati inseguiti e fermati. Inequivocabile l'armamentario di cui erano in possesso: cacciaviti, grimaldelli ed altri arnesi da scasso. Si tratta, secondo la Questura, di due "trasfertisti": uno è un cittadino croato di 17 anni, l'altra una torinese di etnia sinti, quattro anni più vecchio. 

Sono stati arrestati poiché colti sul fato. La ragazza è stata sottoposta a fermo indiziario mentre il ragazzo è stato collocato presso una comunità per minori, entrambi a disposizione dell'autorità giudiziaria. La Questura sta tentando di ricostruire tutti i furti di cui potrebbero essere responsabili, avvenuti nei giorni scorsi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento