"Un ragazzo su 4 in Trentino usa droghe o sostanze che creano dipendenza"

Il Comune di Trento, Apss e CSV insieme per una campagna di sensibilizzazione alla tossicodipendenza

Repertorio

"Un quarto degli adolescenti viene a contatto con sostanze in grado di creare dipendenza e due terzi dei giovani consumano abitualmente bevande alcoliche". Questa la fotografia dell'Azienda sanitaria trentina che insieme al Comune di Trento e al Centro Servizi per il Volontariato ha dato vita alla campagna 'Stai sul pezzo', per sensibilizzare gli adulti sul tema delle sostanze stupefacenti da parte dei giovani. 

L'obiettivo è quello di rendere partecipi genitori, insegnanti e volontari perché possano svolgere al meglio il proprio ruolo educativo seguendo nella crescita i giovani. Sempre nell'ambito dell'iniziativa è stato attivato un numero di telefono il 340 3442400, raggiungibile dalle 8 alle 20. A rispondere saranno gli operatori della Cooperativa Arianna che permetteranno  in completo anonimato di segnalare comportamenti preoccupanti e situazioni di allarme trovando un aiuto.

'Stai sul pezzo', questo il nome della campagna, punta anche sull’informazione: ogni anno infatti compaiono un centinaio di nuove sostanze stupefacenti, alcuni veri e proprio cocktail di antidolorifici mescolati ad altre sostanze. Un'analisi del Comune con il Ser.D ha permesso di inquadrare il fenomeno dei poli-consumi: accanto alle dipendenze da sostanze psicotropiche - alcool, cannabis, cocaina ed eroina - si stanno diffondendo forme di dipendenza in senso più ampio, non solo quindi da sostanze ma da internet, cellulare, televisione, gioco d’azzardo, relazioni virtuali e cibo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lotteria degli scontrini dal primo dicembre (e il cashback in arrivo)

  • Operazione «Maestro»: scacco matto dei carabinieri ai grossisti della droga

  • Tutti i proverbi trentini sulla neve

  • Preore, un'altra tragedia stradale: muore una 16enne, altri 3 giovani in gravi condizioni

  • Via Suffragio, tutti a cercare la fede nuziale perduta: una fiaba a lieto fine

  • Il Dpcm delle regole di Natale 2020 cambia verso: niente eccezioni per nonni, genitori e figli

Torna su
TrentoToday è in caricamento