Cronaca

Stroncata una rete di spaccio legata a una baby gang

Lo scorso luglio le indagini avevano portato all'esecuzione di misure cautelari nei confronti di albanese e un italiano

Una rete di spaccio di cocaina Da Trento a Verona è stata sgominata dalla squadra mobile scaligera e dallo Sco (Servizio centrale operativo) in un'indagine diretta dalla direzione distrettuale antimafia di Venezia.

Le indagini, avviate nel 2020, lo scorso luglio avevano portato all'esecuzione di misure cautelari nei confronti di un cittadino albanese e di un italiano. Gli agenti avevano anche sequestrato due auto utilizzate per il traffico di droga e un bar nella zona universitaria di Verona. L'esercizio era di proprietà di uno degli indagati e al suo interno gli investigatori della polizia di Stato avevano rilevato un'attività di spaccio. I successivi sviluppi investigativi hanno permesso di accertare probabili legami tra gli indagati e soggetti vicini a una baby gang di Verona, nota per vari reati tra cui anche lo spaccio di stupefacenti.

L'indagine, tutt'ora in corso, ha raccolto elementi che hanno permesso arresti in flagranza eseguiti a Trento e Foggia e il sequestro di un'auto nella quale erano nascosti 5 chili e mezzo di cocaina. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stroncata una rete di spaccio legata a una baby gang
TrentoToday è in caricamento