menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Notte Bianca: nessuna restrizione sull'alcol ma niente bottiglie e lattine

Alcol sì, vetro no. La Notte Bianca è salva, nessun divieto sulla gradazione alcolica delle bevande. Andreatta: "Chi vorrà brindare con un calice di spumante o bere un limoncello potrà farlo, l'ipotesi di limitare la gradazione va contro lo spirito delle feste"

Gli amanti del vino, dei cocktail e delle strong ale possono alzare i calici... di plastica. L'ordinanza firmata oggi dal sindaco Andreatta per la Magica Notte non contiene nessuna limitazione al grado alcolico delle bevande che saranno somministrate nei circa 30 locali pubblici aderenti e nei chioschi temporanei delle Feste Vigiliane.

La notizia circolata ieri parlava di un'improbabile divieto di servire bevande oltre i 5°. "Una 'previsione' inaccettabile, incompatibile con lo spirito di una città accogliente, turistica, una città del buon gusto, ed incimpatibile con una Magica Notte che è diventata una festa tradizionale dei trentini" ha precisato oggi il sindaco, raccontando anche di essere stato raggiunto dalle telefonate degli esercenti, caduti dalle nuvole.

"L'ipotesi di un limite alla gradazione alcolica non è nemmeno contenuto nella circolare del capo della Polizia Gabrielli, che pure è stata giustamente tenuta in conto durante l'incontro tra gli organizzatori e la Questura, incontro che ha poi portato all'ordinanza firmata oggi" ha detto Andreatta. 

Se un pericolo per la sicurezza c'è, è  il vetro. Sarà dunque vietato distribuire bevande in bottiglie e lattine d'asporto: queste, come i bicchieri, saranno ammesse solo all'interno del plateatico del locale nel corso della sola Notte Bianca, non per tutte le Feste Vigiliane. Il divieto sarà valido infatti dalle 20.30 del 24 giugno fino alle ore 3 del 25 giugno. Il provvedimento interessa tutto il centro storico di Trento, piazza Fiera, via Santa Croce ed il Parco delle Albere.

Ecco in sintesi i provvedimenti contenuti nell'ordinanza. Dalle 20.30 del 24 giugno alle 3 del 25 giugno, è vietata:

-la vendita per asporto di bevande, anche alcoliche, in contenitori di vetro o lattine;

- la somministrazione di bevande, anche alcoliche, in contenitori di vetro negli spazi esterni ai pubblici esercizi o agli altri esercizi autorizzati anche temporaneamente a tali attività.

La somministrazione di bevande, anche alcoliche, in contenitori di vetro è ammessa esclusivamente nei plateatici concessi ai pubblici esercizi, a condizione che tali contenitori non vengano portati all'esterno dell'area oggetto dell'occupazione. Il divieto è in vigore all'interno delle seguenti zone: centro storico cittadino, ossia l'area ricompresa tra via Torre Vanga, via Torre Verde, piazza Sanzio, via Clesio, via dei Ventuno, piazza Venezia, largo Porta Nuova, via S. Francesco d'Assisi, largo Pigarelli, piazza Fiera, via Travai, via Giusti, via Rosmini, via Prepositura, piazza da Vinci (dette vie incluse), piazza Fiera e via Santa Croce, Quartiere “Le Albere”, ossia l'area ricompresa nelle vie corso Lavoro e Scienza, via Monte Baldo, via Sanseverino (dette vie incluse), parco Fratelli Michelin. Fatta salva l'applicazione delle sanzioni penali, l'inottemperanza ai divieti contenuti nell'ordinanza sarà perseguita con la sanzione amministrativa pecuniaria da 89 a 534 euro, con ammissione al pagamento in misura ridotta entro 60 giorni dalla contestazione o notificazione della violazione di una somma pari a 178 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Trentino rimane in zona arancione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento