rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Centro storico / Piazza Dante

Disordini in piazza Dante: gli indagati sono tutti tunisini, i nigeriani vittime di aggressione

Gli inquirenti hanno accertato il fatto che in piazza Dante un gruppo ha deliberatamente aggredito l'altro: otto indagati, due arresti ed un espulso

Indagini coordinate tra carabinieri e Questura  di Trento per i disordini scoppiati il 12 e 13 giugno tra "bande" di stranieri in piazza Dante. Oggi a conclusione delle indagini le forze dell'ordine hanno diramato un comunicato nel quale si spiega che in seguito ai violenti episodi sono state arrestate due persone, otto sono state indagate ed uno degli stranieri coinvolti, un cittadino tunisino, considerato tra i  protagonisti della prima aggressione, è stato accompagnatto al Cie di Torino ed espulso dal territorio nazionale.

La denuncia per lesioni aggravate è scattata per otto persone, sei tunisini e due marocchini, di età comprese tra i 31 ed i 17 anni, tutti senza fissa dimora. Nella nota si sottolinea che gli inquirenti hanno accertato il fatto che si sia trattato di ripetute aggressioni da parte di gruppi di magrebini nei confronti di cittadini nigeriani, i quali hanno formalmente sporto querela nei confronti degli aggressori. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disordini in piazza Dante: gli indagati sono tutti tunisini, i nigeriani vittime di aggressione

TrentoToday è in caricamento