Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

La ragazza è deceduta dopo 24 ore di ricovero nel reparto rianimazione di Trento

Non ce l'ha fatta Cristina Cesari, la 25enne di Civitanova Marche caduta con gli sci a Madonna di Campiglio. Si è rivelato mortale l'incidente che nella giornata di giovedì 13 febbraio l'ha portata dalle piste del comprensorio Spinale al reparto di rianimazione dell'Ospedale S. Chiara di Trento, dopo una corsa contro il tempo in elicottero.

L'incidente con gli sci

La ragazza, che si trovava in Trentino con degli amici, si è spenta nella mattinata di venerdì 14 febbraio, dopo aver lottato tra la vita e la morte. I carabinieri che hanno ricostruito la dinamica dell'accaduto parlano di un volo di una decina di metri oltre il bordo della pista. La ragazza aveva preso velocità dopo aver perso il controllo degli sci e l'impatto con la neve compatta della pista sottostante è stato violentissimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incidente è avvenuto sulla pista nera Nube d'Oro. Cristina indossava il caschetto, non obbligatorio per i maggiorenni, che però non è servito a salvarle la vita. I primi ad operare la rianimazione sono stati i carabinieri-sciatori della Stazione di Madonna di Campiglio, poi sono arrivati i soccorsi dell'equipe mdica, portata sul posto con l'elicottero. Interventi che, purtroppo, oggi si sono rivelati vani. I genitori, che ne frattempo hanno raggiunto la figlia a Trento, hanno dato il consenso alla donazione degli organi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

Torna su
TrentoToday è in caricamento