rotate-mobile
Cronaca Centro storico / Via Rodolfo Belenzani

Corone di alloro del 25 aprile staccate dalla lapide, nastro bruciato

Le due corone sono state trovate a terra, con evidenti segni di bruciatura

Corone di alloro tolte dalla lapide dedicata ai Martiri della Resistenza, lasciate per terra, forse per scappare frettolosamente dopo aver tentato di bruciarle. A denunciare il fatto è la connsigliera provinciale del PD Lucia Maestri, che su facebook ha postato le foto delle corone del 25 aprile, così come sono state trovate stamane, due giorni dopo la ricorrennnza, al portone  del Municipio in via Belenzani.

Su una delle fasce tricolore sono evidenti i segni di bruciatura. Non si sa se gli ignoti vandali avessero intenzione di bruciare completamente le corone. " Un vile vergognoso atto contro i valori di libertà e democrazia. Valori che ci appartengono e che appartengono alla storia della nostra città e del nostro Paese" scrive su facebook la consigliera. 

Gesti vili come questo comunque non possono e non devono sminuire il significato di una giornata di festa e commemorazione, che ha visto la partecipazione di tantissimi cittadinini e cittadine - scrive Renata Attolini de La Sinistra - La libertà di pensiero, di parola, di opinione, di voto, di riunione sono solo alcuni dei valori che, ormai, diamo quasi per scontati, ma che possono disperdersi in un soffio". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corone di alloro del 25 aprile staccate dalla lapide, nastro bruciato

TrentoToday è in caricamento