Giovedì, 29 Luglio 2021
Cronaca

Bollettino coronavirus: i dati del 18 giugno

I dati vengono elaborati quotidianamente dall'Azienda provinciale per i servizi sanitari

Il presidente della Pat, Maurizio Fugatti

Scende sotto i 200 il numero di casi "attualmente" positivi al coronavirus in Trentino al 18 giugno. I dati vengono elaborati quotidianamente dall'Azienda provinciale per i servizi sanitari. I primissimi dati sono stati comunicati già nella mattinata di venerdì, durante una delle conferenze stampa "itineranti" che, il 18 giugno, è stata organizzata a Garniga Terme. Nessun decesso nel report e 8 nuovi casi positivi. 

«Oggi è venerdì e quindi abbiamo i dati della questione sanitaria Covid» ha affermato il presidente della Pat, Maurizio Fugatti, «a seguito del monitoraggio nazionale l'incidenza in Trentino è pari a 13, quella nazionale pari a 17. Siamo sotto la media nazionale, questo testimonia e conferma il calo costante dei contagi che abbiamo a livello provinciale. L'appello che facciamo (in tema vaccini ndr) è quello di continuare a prenotare a coloro che non lo hanno fatto, soprattutto nelle fasce d'età più avanzate. Quello che abbia di fronte, pur nei residui casi di contagio e di ospedalizzazione, si tratta di soggetti che non hanno avuto la vaccinazione».

Sul tema mascherine, il presidente Fugatti ha aggiunto: «il Governo pare voler intervenire sul tema delle mascherine all'aperto. Noi su questo tema siamo sempre stati molto allineati con le decisioni nazionali». 

Test Salivari

Parte la prima applicazione per i test salivari, la soluzione per monitorare la diffusione del Covid-19 interamente sviluppata in Trentino da Apss e Cibio con il sostegno della Provincia autonoma di Trento. Il progetto pilota si chiama “Screening dei bambini con test salivare” e, come intuibile, coinvolgerà i minori che frequentano i servizi estivi e relativi educatori e volontari che erogano l’attività educativa.

Zona bianca per il Trentino

Il Trentino è in zona bianca. Da lunedì 14 giugno sono cadute altre restrizioni, anche se non tutte. Il resto del Paese ha ancora qualche regione in zona gialla, ma entro luglio tutti dovrebbero cambiare fascia. Ma quali sono le regole in vigore da oggi e cosa cambia da giallo a bianco? 

  • In primo luogo il coprifuoco: in zona bianca è annullato. Nelle regioni in cui è in vigore il coprifuoco è vietato, negli orari dal mezzanotte alle 5 del mattino, spostarsi se non per ragioni di salute, lavoro, estrema necessità e urgenza con autocertificazione;
  • Poi ci sono le regole per ristoranti e bar: nella zona bianca è possibile sedersi fino a 6 persone a tavola e non c'è nessuna limitazione all'esterno; in zona gialla sono ancora in vigore le regole della riapertura: quattro persone al massimo per ogni tavolo;
  • Infine ci sono le piscine al chiuso, i parchi tematici, le sale giochi e le sale scommesse: riaprono tutti in zona bianca, mentre in zona gialla dovranno attendere ancora qualche giorno. Per il 15 giugno è prevista la riapertura dei parchi tematici e di divertimento; per il primo luglio le piscine al chiuso e le sale giochi. 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollettino coronavirus: i dati del 18 giugno

TrentoToday è in caricamento