Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca Centro storico / Via Gian Domenico Romagnosi

Controlli della Guardia di Finanza su 400 auto di lusso

Spesso i veicoli sono intestati a delle società con il bilancio in rosso o comunque non particolarmente florido. Ma allora come faranno certe persone a permettersi auto e suv da decine di migliaia di euro?

Nei primi tre mesi del 2012 la Guardia di Finanza ha recuperato 63 milioni di euro contro i 29 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente. E la metà di questa cifra, circa 32 milioni di euro, viene da una sola azienda del basso Trentino che si occupa di trasmissioni. Costi che non erano deducibili, contrariamente a quanto fatto dall'impresa. Significherebbe un'evasione presunta di circa 15 milioni di euro.

Le Fiamme Gialle hanno poi verificato delle violazioni sull'Iva che superano i 5 milioni di euro e ha proposto all’Agenzia delle Entrate la chiusura di 8 esercizi pubblici perché in più occasioni il personale è stato pizzicato per la mancata emissione dello scontrino fiscale. Altra pista seguita dai finanzieri è quella delle automobili, ne sono state fermate almeno 400. Spesso i veicoli sono intestati a delle società con il bilancio in rosso o comunque non particolarmente florido. Ma allora come faranno certe persone a permettersi auto e suv da decine di migliaia di euro? Dichiarando un reddito falso, probabilmente. 
 
Un atteggiamento simile a quello tenuto dalle 23 persone che sono state denunciate in seguito a dei controlli della Finanza per aver dichiarato il falso in modo da poter percepire, illegittimamente, i contributi pubblici o agevolazioni sugli affitti presso Itea, situazione che riguarda la maggioranza delle persone controllate.
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controlli della Guardia di Finanza su 400 auto di lusso

TrentoToday è in caricamento