rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca San Giuseppe / Via Giuseppe Giusti

Conigli sfrattati dal cimitero: questa sera parte la "caccia"

Nè trappole nè furetti: il Comune mette le mani avanti per evitare polemiche affida direttamente agli animalisti il compito di acciuffare i tanto contestati roditori che saltellano tra le tombe. Questa mattina Andreatta ha firmato l'ordinanza urgente

I conigli saranno sfrattati dal cimitero: il sindaco di Trento Alessandro Andreatta ha firmato un'ordinanza urgente che dà il via libera alla cattura, e successivamente all'allontanamento. Non saranno però nè i cacciatori nè i furetti (ipotesi ventilata l'anno scorso) a catturare i roditori tra le tombe bensì i soci della Lav, lega anti vivisezione, che li lasceranno poi liberi nei boschi. L'operazione inizierà questa sera, dopo la chiusura del cimitero.

DOVE FINIRANNO DPO LA CATTURA? CLICCA QUI...

I conigli, in quanto fauna selvatica, sono "patrimonio indisponibile dello Stato" e non possono essere uccisi, se non in casi di grave danno al patrimonio artistico (in alcuni rari casi è stato permesso nelle città di uccidere i piccioni per questo motivo). Di fatto erano intoccabili fino alla settimana scorsa quando l'Apss ha dichiarato il potenziale rischio sanitario, che ha permesso al sindaco di giustificare l'urgenza dell'ordinanza.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Conigli sfrattati dal cimitero: questa sera parte la "caccia"

TrentoToday è in caricamento