rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Cronaca Oltrefersina / Via Ancilla Marighetto

Piazza Dante, il no della Questura al presidio di CasaPound: "Gravi ragioni di ordine pubblico"

"Sussistono gravi motivi di ordine pubblico" la Questura stoppa la manifestazione di Casa Pound, un presidio di due ore, dalle 22.00 a mezzanotte, previsto per oggi in piazza Dante

No della Questura al presidio organizzato da Casa Pound Trento in piazza Dante, in segno di protesta per i disordini scoppiati alcuni giorni fa tra fazioni di stranieri, con due feriti gravi, due arresti, un espulso ed una ventina di identificati. «È vergognoso come il Questore di ?‎Trento? - afferma Filippo Castaldini, responsabile cittadino di ?‎CasaPound? - si preoccupi di vietare una manifestazione di cittadini regolarmente richiesta, anziché pensare di risolvere l'incredibile situazione di degrado e criminalità che sta colpendo da molti mesi la città».

Un diritto di  manifestare "sospeso" per questioni di ordine pubblico. Secondo la Questura, si legge nel diniego, sussisterebbero "gravi e comprovate ragioni per vietare la manifestazione preavvisata dal signor Castaldini, non essendo individuabili, per le situazioni pregesse, per le tensioni attualmente esistenti e per le modalità di svolgimento dell'iniziativa, soluzioni che consentano di contemperare il diritto a manifestare con la primaria esigenza di assicurare l'ordine e  la sicurezza pubblica e di tutelare l'incolumità  individuale e collettiva". 

"Dobbiamo tornare ad appropriarci fisicamente dei nostri quartieri" aveva affermato Castaldini in una nota in cui invitava la cittadinanza a  partecipare alla manifestazione, poi annullata, prevista per questa sera: un presidio di due ore dalle 22.00 a mezzanotte, in piazza Dante. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Dante, il no della Questura al presidio di CasaPound: "Gravi ragioni di ordine pubblico"

TrentoToday è in caricamento