Casa Itea, titolare di reddito di cittadinanza: trovato con una "serra" ed un chilo di marijuana

Arrestato un 24enne titolare di casa Itea e reddito minimo

Casa Itea e reddito di cittadinanza, ma di "professione" era spacciatore. Anzi, prima di tutto produttore, visto che la Guardia di Finanza ha ritrovato presso la sua abitazione una vera e propria serra da interni per coltivare le piante di cannabis.

Il 24enne, italiano, ha attirato le attenzioni della Finanza durante delle "consege a domicilio" nella zona del centro cittadino. I finanzieri si sono presentati a casa sua con tre cani antidroga, ma non c'è voluto molto per scovare l'armadio dal quale proveniva un forte odore di canapa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'interno c'erano due piante, non ancora pronte pe essere raccolte, ma il fiuto dei cani antidrga ha portato a ritrovare un pacco da un chilo di marijuana, nascosto nell'appartamento. Il giovane è stato arrestato e tradotto presso il carcere di Spini. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali: i risultati in tutti i Comuni

  • Elezioni comunali 2020: lo spoglio in diretta

  • Rovereto, Valduga va al ballottaggio con Zambelli

  • Elezioni comunali Trento 2020, Exit Poll: Ianeselli oltre il 51%

  • Riva del Garda, al ballottaggio Mosaner e Santi, una manciata di voti separano i due candidati

  • Referendum in Trentino: ecco i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento