menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine repertorio

Immagine repertorio

Perquisizione in carcere, detenuto occulta cellulare tra le parti intime

La polizia penitenziaria ha rinvenuto due telefoni in una cella dello Spini di Gardolo a Trento

Due telefoni cellulari all'interno di una cella del carcere di Spini di Gardolo a Trento, dove è vietato avere qualsiasi tipo di strumento tecnologico che possa permettere comunicazioni con l'esterno. Gli agenti della polizia penitenziaria lo hanno scoperto durante una perquisizione. A comunicarlo in una nota Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo polizia penitenziaria.

Uno dei due smartphone era nascosto nelle parti intime di un detenuto. L'uomo, recidivo, non appena è stato scoperto ha opposto resistenza a uno dei poliziotti e lo ha colpito provocandogli un ematoma alla schiena.

Sempre all'interno della stessa cella, ad un altro detenuto, è stato trovato il secondo telefono, completo di sim card. A seguito dell'episodio il Sappe ha invitato il dipartimento dell'amministrazione penitenziaria a dotare i reparti di polizia penitenziaria "di adeguata strumentazione tecnologica per contrastare l'indebito uso di telefoni cellulari o altra strumentazione elettronica da parte dei detenuti nei penitenziari italiani".


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento