menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sette patenti ritirate in pochi giorni: alcol e guida pericolosa le cause

In un caso è stato sanzionato un 44enne: andatura preoccupante, fatta di frequenti e pericolose invasioni della corsia opposta e di brusche frenate alternate a rapide aumenti della velocità.Gli altri automobilisti hanno avvertito i carabinieri che lo hanno fermato

Sette patenti ritirate in pochi giorni dai carabinieri di Cles. L’ultima è quella di un quarantenne dell’alta Val di Non il quale, intorno alle 20.00 di lunedì sera, a Revò, è incappato in un posto di controllo del Radiomobile. L’uomo stava raggiungendo Cles, dove avrebbe dovuto prendere in consegna la figlia adolescente, di ritorno da una gita scolastica. La prova dell’alcol test ha dato come risultato un’alcolemia di 1,8 g/l.
Singolari - invece - le circostanze che hanno anche portato, nel primo pomeriggio di sabato 17 marzo, al ritiro del documento di guida di un 44enne residente in Alta Val di Sole. La sua condotta di guida aveva allarmato non pochi utenti della strada tant’è che, nel giro di pochi minuti, al numero di emergenza 112, erano giunte numerose segnalazioni di una Golf di colore nero che viaggiava in direzione Cles con un’andatura preoccupante, fatta di frequenti e pericolose invasioni della corsia opposta e di brusche frenate alternate a rapide aumenti della velocità. 

L’uomo, bloccato nella piazza di Cles da una pattuglia opportunamente allertata, guidava in uno stato di evidente alterazione psicofisica. Gli accertamenti immediatamente eseguiti stabilivano infatti in 1,6 g/l il suo tasso di alcolemia. Un incidente stradale, per fortuna conclusosi con soli danni ai veicoli, ha invece determinato il ritiro della patente di guida di un albergatore della Paganella. Il Suv condotto dall’uomo, nella tarda serata di domenica a Cavedago, ha invaso la corsia di marcia opposta e colpito la fiancata di una piccola utilitaria condotta da una cinquantenne trentina. Un tasso alcolemico di molto superiore alla soglia di tolleranza (1,8 g/l) - infine - ha determinato il ritiro del documento di guida di un camionista residente in Bassa Val di Non. All’uomo la patente era stata già ritirata altre due volte per la medesima violazione. Il fatto che l’ultimo ritiro sia caduto a meno di due anni dal precedente potrebbe determinare la revoca della licenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Lotteria degli scontrini, manca poco alla terza estrazione

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento