Vende i botti a ragazzi tredicenni, rischia 6 mesi di carcere

Rischia fino a 6 mesi di carcere la commessa di Riva del Garda, denunciata dalla Polizia

Fuochi d'artificio venduti ragazzini di nemmeno 14 anni. A finire denunciata, dopo accertamenti, è stata la dipendente di un negozio di Riva del Garda che rischia fino a 6 mesi di carcere con ammenda da 20.000 a 200.000 euro. 

In alcuni comuni del Trentino (per esempio Lavis e Villa Lagarina, ma non Trento) i botti sono stati vietati nella notte di Capodanno. La Polizia ricorda che infrangere tali ordinanze comporta la multa da 25 a 300 euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In questo periodo dell'anno - commenta il Vice Questore Salvatore Ascione - è consuetudine utilizzare i fuochi d'artificio per propiziare l'anno nuovo. A fronte di questa tradizione si invitano tutti i cittadini a prestare particolare attenzione nell'uso dei petardi ed in particolare a tenerli lontani dalle persone e dai materiali infiammabili; a non raccogliere i fuochi non esplosi; ad allontanarsi quando la miccia è accesa; a non lanciare contro animali e persone ed a seguire dettagliatamente le indicazioni riportate sulla confezione. Per ultimo, ma sicuramente il più importante, acquistare sempre i fuochi consentiti e, possibilmente, farli accendere da mamma e papà".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento