Elettrodomestici difettosi, risarciti 49 consumatori trentini

Lieto fine per 49 consumatori trentini che si sono visti sostituire gratuitamente il prodotto non sicuro sequestrato dalla Guardia di Finanza. Si tratta di centosette asciugatrici a gas/metano, di origine cinese

Lieto fine per 49 consumatori trentini che si sono visti sostituire gratuitamente il prodotto non sicuro sequestrato dalla Guardia di Finanza.  Si tratta di centosette elettrodomestici asciugatrici a gas/metano, di origine cinese, potenzialmente pericolose perché non conformi alla normativa comunitaria e nazionale sulla sicurezza dei prodotti (cioè privi della prevista marcatura CE).

A seguito della segnalazione di un consumatore, il Centro ricerca e tutela di via Petrarca ha inviato al Ministero dello Sviluppo Economico, alla locale Camera di Comemrcio e al Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Trento, una richiesta di intervento supportata da idoneo parere legale sulla presunta difformità del prodotto non sicuro. Le Fiamme Gialle , al termine di una tempestiva attività investigativa, hanno individuato la società importatrice degli elettrodomestici, procedendo al sequestro delle 58 asciugatrici presenti nei magazzini.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • Lotta ai tumori: premiato il lavoro di una giovane chimica trentina

  • Camion perde il carico sulla "Maza": traffico in tilt tra la Busa ed il Garda

  • Poliziotto trascinato da una moto in fuga sulla statale per 500 metri: in prognosi riservata

Torna su
TrentoToday è in caricamento