menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Armi da guerra e granate in casa, condannato cacciatore 62enne

Una collezione frutto di tanti anni di ricerca sulle montagne trentine, e che è costata a un cacciatore di 62 anni di Lizzana la condanna a cinque mesi e dieci giorni per detenzione illegale di armi da guerra

Nella cantina di casa sua custodiva una specie di arsenale da guerra: granate della Grande guerra ancora attive, munizioni, proiettili, detonatori, perfino candelotti di dinamite. Una collezione frutto di tanti anni di ricerca sulle montagne trentine, e che è costata a un cacciatore di 62 anni di Lizzana la condanna a cinque mesi e dieci giorni per detenzione illegale di armi da guerra. A portare i carabinieri sulle sue tracce è stato il ferimento accidentale di un bimbo che armeggiava con un proiettile, fornito da un nipote dell'uomo, appassionato di armi storiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Non solo Santiago: ecco cinque cammini in Trentino

Attualità

Quando saluteremo il coprifuoco: le ipotesi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrentoToday è in caricamento