Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Centro storico

Una ricerca svela la storia di 202 trentini prigionieri nei lager nazisti

Il volume si intitola "Almeno i nomi": 274 pagine pubblicato dall'editrice Temi. E' una ricostruzione senza precedenti delle vicende di 202 civili trentini deportati nel Terzo Reich tra il 1939 e il 1945

Duecentodue numeri, diventati duecentodue nomi, poi volti, storie di trentini, anime inghiottite dai campi di sterminio nazisti: la loro storia è ora in un libro che racconta le vicende di 202 civili trentini deportati nel Terzo Reich tra il 1939 e il 1945.  Giovanni Tomazzoni, coordinatore della ricerca, da anni scava nel pozzo nero della guerra e della tragedia nazista. Con quest'ultima fatica, si è partiti da tracce a volte labilissime, per comporre con fatica le tessere di un mosaico sbiadito e a rischio di estinzione definitiva. Nomi e cognomi sono emersi dai fogli matricolari dei detenuti del carcere di Peschiera, annotazioni tanto burocratiche e fredde, quanto preziose, sono state rinvenute in archivi come quello vastissimo dell'International Tracing Service di Bad Arolsen, da qualche tempo aperto agli studiosi e dal primo gennaio passato alla diretta gestione della Germania. Ecco allora le "transportlisten", ecco gli elenchi dei deceduti. E di lì ai brandelli di memoria - a qualche foto che parla da sola - conservati per settant'anni dentro le case dei trentini, dai parenti custodi di un passato cui si vuole ancora dare un futuro. 

Secondo Dario Venegoni, vicepresidente di Aned, l'associazione nazionale degli ex deportati, "E' un libro che segna una svolta nella storiografia sulle vittime dei lager, un lavoro che alza enormemente l'asticella e di fronte al quale molte pubblicazioni, anche recenti, inevitabilmente appassiscono. Nessuno si era spinto a questo livello, a me non resta che ringraziarvi, che invitare i parenti dei deportati alla fondazione di una sezione trentina di Aned. Voglio però anche incoraggiare il Laboratorio di storia di Rovereto (che ha curato la ricerca , ndr) a fare un altro passo, ricostruendo com'è doveroso anche le sorti di tutti i disgraziati passati dal lager di Bolzano, ma non tradotti in Germania".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una ricerca svela la storia di 202 trentini prigionieri nei lager nazisti
TrentoToday è in caricamento