I carabinieri si presentano a casa e sequestrano l'albero di Natale: era rubato

I militari si sono presentati alla Vigilia di Natale al termine delle indagini che hanno permesso di identificare gli autori del furto di un abete di due metri

Foto di repertorio

Si sono ritrovati i Carabinieri alla porta alla Vigilia di Natale. I militari sono entrati in casa e, dopo un rapido controllo, hanno sequestrato l'albero di Natale. Può sembrare una barzelletta ma si tratta di un furto accertato, con relative denunce.

E' accaduto a Lavis, a nord di Trento, dove di notte un abete rosso alto 2 metri è sparito da un vivavio. Il proprietario si è rivolto alla locale stazione dei Carabinieri, i quali hanno subito scandagliato le immagini dl circuito di videosorveglianza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel video si vedono due uomini scavalcare la recinzione e trafugare l'abete per poi caricarlo su un'auto. Una Peugeot 206, dettaglio che li ha incastrati. I due sono stati ben presto identificati: si tratta di un uomo di 47 anni e di un 24enne di Salorno, pregiudicati, coinquilini. L'albero di Natale è stato rrestituito al legittimo proprietario ed i due sono stati denunciati per furto in concorso. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento