Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Centro storico

Recensioni on line, albergatori trentini all'attacco dei commenti

Recensioni on line: "Da albergatore - spiega Maurizio Rimondi - mi vergogno del fatto che esista un portale dove poter sparlare ed inventare, nel bene e nel male, sulle strutture"

Il mondo delle recensioni on-line è ancora in fermento: l'Unione albergatori del Trentino ha affrontato la questione della compravendita di falsi commenti sui siti specializzati per aumentare (o diminuire) la reputazione delle strutture presenti sui vari portali dove gli utenti possono commentare e classificare la propria esperienza. "Siti come Tripadvisor – spiegano gli albergatori trentini – potrebbero essere strumenti utili, se fossero monitorati attentamente; i commenti dei nostri clienti sono indispensabili prima di tutto a noi stessi, ma se questi sono falsi o pilotati, non sono nient’altro che un danno d’immagine ai limiti della querela". 

I sostenitori delle recensioni on-line si appellano al motto "wisdom of crowd" ovvero alla saggezza della folla, spiegando che con un numero elevato di recensioni ci si avvicina molto all’obiettività. I commenti palesemente falsi o negativi vengono quasi automaticamente ignorati dall’utente medio. Il che non è del tutto vero: innanzitutto un commento negativo risulta molto più evidente di un commento positivo o tutt’al più neutro; poi, la stragrande maggioranza delle strutture (alberghi, campeggi, affittacamere, eccetera) non ha un numero così elevato di recensioni da riuscire ad avvicinarsi all’obbiettività. Il risultato è che anche poche recensioni (magari inserite in forma anonima) possono provocare effetti devastanti sull’attività di un’azienda.

La giunta Unat ha affrontato l’argomento, prendendo anche spunto dai numerosi commenti del blog www.unturismo.it, dedicato alle discussioni sul mondo del turismo, in un post che riportava la notizia di una società che offre a pagamento recensioni false su portali internet. "Da albergatore - spiega l’utente Maurizio Rimondi - mi vergogno del fatto che esista un portale dove poter sparlare ed inventare, nel bene e nel male, sulle strutture. Vedere alberghi con più recensioni che clienti effettivi o recensioni da favola a strutture di livello medio che surclassano alberghi a 7 stelle nel mondo, francamente mi fa solo ridere".

"Che si voglia o non si voglia - ammette Anton Sessa -  le recensioni saranno sempre più diffuse, sono ormai ovunque e Tripadvisor è soltanto la punta dell’iceberg. È una tendenza contro la quale non si può lottare. Occorre invece agire su altri fronti: fare in modo che i clienti rimangano soddisfatti.  Comunicare via internet è ormai indispensabile ed è bene che lo faccia una persona della propria azienda che conosce la realtà e sappia rispondere in modo giusto".

"Portali come Tripadvisor – commenta il presidente Giovanni Bort – potrebbero essere strumenti utili se consentissero un monitoraggio attento e non permettessero l’inserimento di commenti in forma anonima. Non c’è ragione per cui si possa commentare una struttura senza nemmeno averla vista: questo dev’essere un controllo fondamentale. Naturalmente siamo ben favorevoli ad essere giudicati e a capire quali sono i punti di forza e di debolezza della nostra offerta: certo che in questo modo viene meno il requisito fondamentale della veridicità del commento e se a ciò aggiungiamo che questo viene esposto coram populo si capisce come le recensioni on-line possano diventare un serio pericolo per imprese e clienti". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Recensioni on line, albergatori trentini all'attacco dei commenti

TrentoToday è in caricamento