La violenza / Borgo Valsugana

Picchia l’amico con un posacenere e ribalta sedie e tavoli in un bar

L'uomo ha reagito con violenza anche all'intervento dei carabinieri

Non sono ancora chiare le motivazioni di quanto accaduto ma un uomo si è avventato contro un suo conoscente usando un posacenere come arma, creando scompiglio in un bar, dove, fuori di sè, ha anche ribaltato sedie e tavolini, facendo fuggire la clientela.

Tutto fino a quando non sono intervenuto i carabinieri nel locale di Borgo Valsugana. I militari, non senza una certa difficoltà, hanno arrestato l’uomo per resistenza, violenza e oltraggio a pubblico ufficiale, lesioni, danneggiamenti e minacce. L’accusato, quarantenne tunisino senza fissa dimora e in attesa di permesso di soggiorno, si trova ora in carcere. L'uomo ha reagito con violenza anche all'intervento dei carabinieri che, chiamati verso le 15:30, hanno cercato di bloccare la sua furia ma neppure l'intervento delle forze dell’ordine lo ha placato.

Il tunisino si è scagliato anche contro i carabinieri che, colpiti con calci e pugni, sono riusciti a immobilizzarlo e portarlo in caserma. Ora l’uomo si trova in carcere.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia l’amico con un posacenere e ribalta sedie e tavoli in un bar
TrentoToday è in caricamento