Cronaca San Giuseppe / Corso 3 Novembre 1918, 72

Lascia il posto fisso a Milano per aprire un suo negozio a Trento

La storia di Adriano Fiore, che ha lavorato per una grossa compagnia nazionale a Milano, ma dopo 1 anno e mezzo, coi soldi guadagnati, è tornato a Trento per aprire 'Clinica Smartphone'

A soli 18 anni ha lasciato il Trentino per Milano, dove è stato assunto da una grossa catena nazionale nel campo della riparazione di smartphone. Una bella opportunità per un ragazzo così giovane, e un bello stipendio da 1.300 euro al mese. Ma Adriano Fiore, nato a Trento il 14 settembre di 20 anni fa, ha sentito il richiamo di casa. Così, dopo un anno e mezzo, è tornato tra le montagne, dove ha deciso di investire i soldi guadagnati in una sua attività di riparazione telefonia e personal computer: 'Clinica Smartphone', aperta in Corso 3 novembre 72, a Trento. 

"Circa un anno e mezzo fa, purtroppo mio malgrado, ho dovuto lasciare il Trentino (ha frequentato il Marconi di Rovereto fino al quarto anno per poi specializzarsi a Milano, ndr) e Trento in particolare poichè, come tutti ormai sappiamo, il lavoro inizia a scarseggiare un po' dovunque. Sono dovuto andare via perché una grossa catena nazionale mi aveva chiamato a lavorare a Milano", ci ha raccontato Adriano. Che si è così 'buttato' in una nuova esperienza come la vita in una grande città.

"Seppur contrariato, perché con dispiacere ho lasciato la mia città, mi sono avventurato nella nuova città, Milano. Dopo circa una settimana di prova, sono stato assunto presso questa azienda con un contratto di 5 anni e una retribuzione fissa di 1.300 euro: direi non male per un ragazzo con appena 18 anni. Anche se la situazione economica non era male, il mio obiettivo era quello di racimolare un piccolo tesoretto per poi rientrare nella mia città di nascita ed aprire un attività di riparazione smartphone e pc".

Adriano è elettrizzato dalla nuova avventura da imprenditore: "Finalmente, a gennaio, seguito dall'Associazione artigiani, ho iniziato a fare le prime carte per ritornare nella mia città, licenziandomi dal tanto amato lavoro che mi aveva costretto ad abbandonare Trento. Bene, così sembrerà una pazzia, ma ho voluto licenziarmi per aprire una mia attività nella mia città. Dopo qualche mese di preparativi, sono riuscito finalmente ad aprirla con il nome di Clinica Smartphone".

Adriano è giovane, ma ha le idee molto chiare: "Questo negozio - ci spiega - nasce da un bisogno di fornire alla clientela trentina e non, un servizio di vendita, assistenza e riparazione smartphone e pc che sia il più veloce possibile, mantenendo il costo più basso rispetto alla concorrenza. Ho aperto questa mia attività perché io in Trento ci ho sempre creduto e ho deciso di prendermi questa responsabilità perché nel futuro che verrà vorrei creare posti di lavoro, proprio per non far scappare i giovani trentini dalla loro città". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lascia il posto fisso a Milano per aprire un suo negozio a Trento
TrentoToday è in caricamento