rotate-mobile
Domenica, 16 Gennaio 2022
Cronaca Centro storico / Via Dante Alighieri

A Francesca Dallapè l'Aquila di San Venceslao: "A Rio voglio riprendermi quello che mi è sfuggito"

Un riconoscimento "a nome di tutti i trentini", come ha commentato il presidente Ugo Rossi, stimolo per le prossime Olimpiadi: "mi riprenderò quello che mi è sfuggito a Londra" ha detto la fuoriclasse trentina dei tuffi, premiata questa mattina

La Provincia di Trento ha conferito il sigillo dell'Aquila di San Venceslao alla tuffatrice azzurra Francesca Dallapè. Non si tratta certo della prima medaglia per l'atleta trentina, classe 1986, che dal 2004 ad oggi ha conquistato un bronzo ed un argento agli europei giovanili, due argenti mondiali, e ben sei ori europei, l'ultimo due settimane fa a Berlino, sfiorando il podio anche alle Olimpiadi di Londra. "Francesca è interprete dei valori più alti dello sport" ha dichiarato l'assessore provinciale Tiziano Mellarini durante la cerimonia di consegna, svoltasi questa mattina presso il palazzo della Provincia in piazza Dante.

"Questo riconoscimento mi riempie di felicità ed è ulteriore stimolo per le prossime sfide che mi aspettano. Io sono testarda e voglio riprendermi, alle Olimpiadi di Rio, nel 2016, quello che mi è sfuggito a Londra, due anni fa" ha commentato soddisfatta la Dallapè ricevendo dalle mani del presidente Ugo Rossi il simbolo del Trentino che risale al 1339 e che ogni anno viene conferito a personalità dello sport, della cultura e della società civile tridentina. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Francesca Dallapè l'Aquila di San Venceslao: "A Rio voglio riprendermi quello che mi è sfuggito"

TrentoToday è in caricamento