rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Domotica

Il 20 ottobre cambiano le frequenze: cosa accadrà e come ottenere il bonus tv

Da mercoledì Rai e Mediaset inizieranno a trasmettere sul digitale terrestre, come scoprire se il televisore è compatibile con il nuovo standard

Da mercoledì 20 ottobre scatta il nuovo switch off del digitale terrestre. Una novità che darà il via a un periodo di transizione che durerà fino al 2023 all'interno del quale ci sarà il progressivo cambiamento dello standard di trasmissione della tv digitale da Dvb-T a Dvb-T2, con la migrazione dalla codifica Mpeg2 a quella Mpeg4. Sarà necessario avere un televisore o un decoder in alta definizione Hd per ricevere i canali con la nuova trasmissione. Tv e decoder andranno comunque risintonizzati. Da mercoledì la Rai inizierà a trasmettere sul digitale terrestre solo con lo standard Mpeg4 i canali tematici Rai 4, Rai 5, Rai YoYo, Rai Sport + HD, Rai Storia, Rai Gulp, Rai Premium e Rai Scuola. Inoltre, sempre da mercoledì, cambieranno codifica anche i canali Mediaset, da TgCom24 a Virgin Radio. Sarà possibile continuare ancora a vedere invece i cosiddetti canali "generalisti", come ad esempio Rai Uno o Canale 5.

Come ottenere il bonus Tv - Decoder

Se non si dispone di una tv o di un decoder compatibile con le nuove codifiche, è possibile usufruire del bonus tv per acquistarne uno di ultima generazione. Il Bonus TV - Decoder, con valore fino a 30 euro, è un'agevolazione per l'acquisto di tv e decoder idonei alla ricezione di programmi televisivi con i nuovi standard trasmissivi (Dvbt-2/Hevc) che diventeranno operativi a partire dal 2022, nonché per l'acquisto di decoder per la ricezione satellitare. L'agevolazione è disponibile fino al 21 dicembre 2022 o in ogni caso fino all'esaurimento delle risorse stanziate ed è riservato alle famiglie con Isee fino a 20 mila euro. 

LA GUIDA AI NUOVI DECODER: I MIGLIORI MODELLI

Il bonus viene erogato sotto forma di sconto praticato dal venditore sul prezzo del prodotto acquistato. Basta presentare al venditore una richiesta per acquistare un nuovo televisore o un decoder beneficiando del bonus. Bisognerà dichiarare di essere residenti in Italia e di appartenere ad un nucleo familiare di fascia Isee che non superi i 20mila euro e che altri componenti dello stesso nucleo non abbiano già fruito del bonus.

Il bonus rottamazione tv

Il bonus serve a sostituire i televisori non compatibili con il nuovo digitale terrestre che consentirà di avere una migliore qualità dell’alta definizione a cui verrà affiancato il rilascio delle frequenze per la cosiddetta “banda 700” e i servizi mobili 5G.

Per aderire al bonus basta compilare un modulo. Il nuovo Bonus TV 2021 non contempla alcun limite di reddito, ma bisogna avere solo determinati requisiti come:

  • residenti in Italia
  • essere intestatario del Canone Rai e in regola dei pagamenti. Questo vale anche per i cittadini di età pari a 75 anni esenti dal pagamento del canone
  • consegnare il vecchio modello del televisore, non compatibile con il DVB-T2, nel momento in cui si acquista quello nuovo

Il bonus massimo è di 100 euro, ma comunque il limite del rimborso è del 20% del costo dell’apparecchio nuovo.

Come scoprire se il televisore o decoder è compatibile

Scoprire se il televisore è compatibile con il digitale terrestre è semplice, basta sintonizzarsi sul canale test 200 (per le reti Mediaset) o sul canale test 100 (per la Rai). Se si visualizza una schermata con scritta "Test HEVC Main10", allora il televisore è compatibile.

Se invece, su questi canali test non si visualizza niente o non sono sintonizzati, vuol dire che il televisore probabilmente non è abilitato al nuovo standard.

  • I canali 200 e 100 non si sintonizzano: può dipendere da molti fattori, come il fatto che non vengono ricevuti i canali di test o che il televisore potrebbe non essere abilitato 
  • I canali 200 e 100 vengono ricevuti ma sono occupati: nel caso in cui si vede un’altra emittente si può spostarla su un numero diverso ed eseguire nuovamente la sintonizzazione
  • I canali 200 e 100 vengono ricevuti ma lo schermo rimane nero: In questo caso il televisore non supporta il nuovo digitale. Prima di eliminate l’apparecchio si può attendere perché non è sicuro che il formato a 10 bit (da qui la scritta "main10") sarà sempre utilizzato dopo il luglio 2022. L’HEVC può codificare l’immagine in vari modi, ad esempio se si decide di adottare il formato a 8 bit, molti dei televisori comperati fra il 2016 e il 2018, potrebbero ricevere il segnale anche se ora non lo fanno.

Decoder

Ecco i decoder migliori in grado anche di supportare la codifica MPEG-4 già utilizzata per i canali in HD e che verrà adottata a partire dal 20 ottobre dai canali tematici della Rai, come ad esempio Rai 5, e da alcuni canali Mediaset come Tgcom24.

Per sapere se il proprio decoder o TV sono compatibili con il digitale terrestre di seconda generazione basta sintonizzarsi sui canali test 100 o 200. Se viene mostrata la scritta “Test HEVC Main10” vuol dire che si è pronti al nuovo digitale terrestre. 

Per quanto riguarda l’MPEG-4 basta verificare la corretta visione dei canali in HD, come Rai1HD (posizione 501). 

Ricordiamo, infine, il bonus TV per l’acquisto di televisori e decoder idonei al digitale terrestre di seconda generazione che consente a tutti di acquistare un nuovo televisore o decoder con uno sconto del 20%, fino ad un massimo di 100 euro.

Prodotti online

Decoder dvb-t2 hd

Decoder digitale terrestre Full HD

Televisore 28”

Televisore 32”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il 20 ottobre cambiano le frequenze: cosa accadrà e come ottenere il bonus tv

TrentoToday è in caricamento