Polveri sottili: in Trentino 123 ricoveri in sei anni

L'assessore Tonina: "A Trento ed in Valle dell'Adige il traffico è il maggior inquinante, nelle valli il fumo da combustione di legna"

Il traffico è il maggior agente inquinante nell'aria a Trento ed in Valle dell'Adige, viceversa nelle valli la presenza di polveri sottili è determinata in maggior parte dal fumo di stufe e caminetti. I ricoveri negli anni tra il 2013 ed il 2018 per malattie legate alle poleri sottili sono stati 123 in Trentino.

Questi i dati forniti dall'assessore all'Ambiente Mario Tonina ad un'interrogazione del consigliere del PD Alessio Manica. "Significative sono anche le concentrazioni lungo il percorso al bordo dell’autostrada A22 - ha detto l'assessore -. Nelle vallate più turistiche l’indicatore più rilevante rappresentato dal valore di media annuale non evidenzia invece particolari criticità in nessuna di esse. E questo perché per lunghi periodi, in assenza di significativi flussi turistici, i volumi di veicoli risultano essere molto ridotti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neonato morto a 30 ore dalla nascita: dramma all'ospedale di Rovereto

  • Freddo intenso, anche 10° sotto la media: il riscaldamento si può già accendere

  • Galleria di Martignano: testa-coda sull'asfalto bagnato poi si schianta contro il guard rail

  • Coronavirus, un altro studente positivo: classe in quarantena e lezioni online

  • Cervo investito sulla statale: "In quel tratto succede una volta al mese"

  • Giornate Europee del Patrimonio 2020: in Trentino musei aperti e attività al Mart

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrentoToday è in caricamento