Polveri sottili: in Trentino 123 ricoveri in sei anni

L'assessore Tonina: "A Trento ed in Valle dell'Adige il traffico è il maggior inquinante, nelle valli il fumo da combustione di legna"

Il traffico è il maggior agente inquinante nell'aria a Trento ed in Valle dell'Adige, viceversa nelle valli la presenza di polveri sottili è determinata in maggior parte dal fumo di stufe e caminetti. I ricoveri negli anni tra il 2013 ed il 2018 per malattie legate alle poleri sottili sono stati 123 in Trentino.

Questi i dati forniti dall'assessore all'Ambiente Mario Tonina ad un'interrogazione del consigliere del PD Alessio Manica. "Significative sono anche le concentrazioni lungo il percorso al bordo dell’autostrada A22 - ha detto l'assessore -. Nelle vallate più turistiche l’indicatore più rilevante rappresentato dal valore di media annuale non evidenzia invece particolari criticità in nessuna di esse. E questo perché per lunghi periodi, in assenza di significativi flussi turistici, i volumi di veicoli risultano essere molto ridotti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Femminicidio a Trento: uccide la compagna poi tenta il suicidio

  • Il Trentino rimane arancione : ecco le altre regioni a rischio, due verso la zona rossa

  • Lockdown "soft" dal 25 febbraio: lo chiedono le Regioni, ecco le ipotesi sul tavolo del Governo

  • Covid, Crisanti non molla: «Vi spiego perché ci sono i segni della Terza Ondata e l’unica soluzione è il lockdown nazionale»

  • Femminicidio a Cortesano: Cattoni era stato allontanato da casa, l'ha uccisa in campagna

  • Le regole per gli spostamenti in zona arancione

Torna su
TrentoToday è in caricamento