Attualità

"Vacanze gratis per gli operatori della cultura": chi può approfittarne

Un gesto per dimostrare sostegno e aiuti a una delle categorie più penalizzata dalla pandemia: l’iniziativa in Val di Sole

Archivio Azienda Turismo val di Sole (Foto di Antonio Vigarani - panoramica di Valle)

Dalla Val di Sole un'iniziativa per sostenere gli operatori della cultura, tra le categorie più penalizzate dalla pandemia. Con lo slogan "Siete la nostra Italia migliore" dalla valle trentina arriva l'offerta di un soggiorno gratuito di tre notti per attori, musicisti, artisti visivi, tecnici dello spettacolo, personale dei musei, guide turistiche e molte altre categorie professionali del mondo della cultura. L'iniziativa - voluta dall'ApT Val di Sole in collaborazione con gli operatori turistici locali e le tre società impianti - segna la seconda fase di un progetto avviato nel 2020; la prima edizione era stata dedicata alle tante categorie della sanità, in prima linea nei momenti più drammatici della pandemia. "Quando abbiamo lanciato l'anno scorso questa iniziativa - spiega Fabio Sacco, direttore dell'ApT Val di Sole - non avremmo mai immaginato una simile risposta. Siamo stati subissati di richieste. Abbiamo accolto alla fine oltre 1600 persone e donato quasi 5mila giorni di soggiorni gratuiti negli oltre 100 hotel e residence che hanno subito aderito alla nostra idea. Evidentemente abbiamo intercettato un'esigenza diffusa. Ora che l'Italia sta faticosamente ripartendo, non dobbiamo pensare che i problemi economici di molti nostri concittadini siano magicamente spariti. Ecco perché abbiamo pensato di rivolgere quest'anno la nostra attenzione al mondo della cultura".

Per farlo, la Val di Sole opererà in collaborazione con la Fondazione Fitzcarraldo e CCW - Cultural Welfare Center, enti che operano a beneficio di chi crea, pratica, partecipa, produce, promuove e sostiene le arti, come risorsa di benessere per tutta la collettività. "Se questa pandemia ci ha insegnato qualcosa - prosegue Sacco - è che nessuno si salva da solo. Serve da parte di tutti uno sforzo di solidarietà e sostegno reciproco. Abbiamo quindi deciso di includere tutti quanti permettono all'industria culturale di funzionare."

Tre notti gratis in Val di Sole per gli operatori della cultura: come partecipare 

Agli operatori della cultura, come già è stato fatto per quelli della sanità, la Val di Sole offre gratis una vacanza di 3 notti in una delle strutture ricettive aderenti, fino ad esaurimento disponibilità. Durante il soggiorno, sarà possibile usufruire di sconti speciali su una serie di "esperienze" che la valle ha pensato per i propri ospiti e occasioni per toccare con mano i poteri terapeutici che i momenti trascorsi in montagna sanno offrire. Merito dell'attività fisica che alta quota, aria salubre e spazi aperti spingono a fare. Ad essi si aggiungono poi i vantaggi in termini di benessere garantiti anche dalla possibilità di partecipare ad esperienze culturali, come sottolineato in un recente rapporto dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ogni ospite potrà scegliere l'esperienza che trova più interessante e attraente: rafting lungo il fiume Noce (considerato il migliore per questo sport in Europa), trekking in alta quota, rilassanti percorsi di park therapy per scoprire i poteri curativi dei boschi, escursioni serali o notturne alla ricerca degli animali del Parco Nazionale dello Stelvio, escursioni in e-bike tra gli ampi panorami della valle, divertenti prove di coraggio in un parco avventura, visite guidate a luoghi ricchi di storia e di tradizione. Per farle, avranno anche a disposizione gratuitamente la Val di Sole Guest Card: grazie ad essa, potranno usare gli impianti di risalita aperti in Val di Pejo, Passo Tonale e Folgarida-Marilleva.

Per partecipare a "Siete la nostra Italia Migliore" basta compilare il modulo che si trova sul portale Visit Val di Sole. Attraverso il link, sarà possibile verificare che la propria attività rientri tra le categorie individuate nel progetto. In seguito, contattando le strutture aderenti, si potrà concordare il periodo di fruizione del soggiorno, inviando i propri dati personali e i documenti necessari a dimostrare l'effettiva appartenenza alle professioni previste. "Siamo certi che anche quest'anno avremo un grande riscontro", conclude Sacco. "Sarà la controprova di quanto sia importante unire economia, solidarietà, salute, cultura e altruismo per rendere il nostro Paese più forte e più giusto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vacanze gratis per gli operatori della cultura": chi può approfittarne

TrentoToday è in caricamento