rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Gemellaggio / Val di Sole

La montagna va al mare e porta a Capri i canederli con il Casolet

Si rinnova, dopo 3 anni di stop, il gemellaggio tra solandri e capresi

Solandri e capresi insieme per rinnovare il gemellaggio nel giorno dell'Immacolata. Dopo tre anni di stop forzato causa pandemia, ritorna l’originale manifestazione "Capri incontra la Val di Sole": giovedì 8 dicembre la celebre piazzetta Umberto I, nel cuore della famosa isola campana, ospita infatti la ventunesima edizione del tradizionale gemellaggio istituzionale e promozionale tra la meravigliosa località napoletana e la trentina Val di Sole.

Il tradizionale evento, organizzato dall’ApT della Val di Sole in collaborazione con la Comunità della Val di Sole, è decisamente significativo soprattutto per il suo valore e la grande valenza mediatica, rappresentando un prestigioso scambio e simpatico incontro amichevole tra la montana Val di Sole e la realtà turistica marina tra le più note al Mondo. Da sottolineare infatti che per un giorno intero la Val di Sole è presente con i propri stand informativi nella rinomata piazzetta di Capri, dove accorrono migliaia di turisti, potendo dunque far conoscere l’offerta turistica della Valle.

Per l’occasione il noto centro di Capri verrà animato anche da un gustoso gemellaggio gastronomico che unisce in maniera particolarmente fantasiosa e ghiotta la tradizione trentina e quella caprese. Alcuni ragazzi del Centro di Formazione Professionale Trentino Enaip di Ossana, coordinati dal direttore Luca Branz e da esperti docenti,  proporranno un piatto trentino decisamente sostanzioso: gli immancabili canederli, serviti su caratteristica fonduta di Casolet, inconfondibile formaggio solandro presidio slow food.

Prezioso supporto sarà fornito dagli allievi dell’Istituto Alberghiero di Anacapri “Ipsar Axel Munthe”, storica scuola da diversi anni impegnata nel simpatico incontro pratico di ricette e piatti tipici con l’omologo ente trentino. Dopo la Messa prefestiva delle ore 18.30, spazio quindi allo scambio istituzionale di omaggi e saluto delle Autorità. Seguirà la tradizionale accensione delle luminarie natalizie sul grande albero ecologico di Natale e gli storici edifici circostanti, nonché  la consueta e sempre graditissima nevicata (artificiale) conclusiva, che imbiancherà in un’insolita atmosfera decisamente magica la celebre piazzetta caprese, per la gioia collettiva di grandi e soprattutto piccoli. La suggestiva manifestazione si concluderà con musica tipica caprese ad impreziosire nei migliori di modi il simpatico incontro fraterno tra montagna e mare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La montagna va al mare e porta a Capri i canederli con il Casolet

TrentoToday è in caricamento