rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Attualità

Cercasi gestori per i rifugi San Pietro e Pino Prati: cosa sapere e come partecipare

Ecco gli annunci pubblicati dalla Società degli Alpinisti Tridentini a inizio febbraio

La grande occasione per chi sogna di gestire un rifugio è arrivata. Il 3 febbraio la Società degli Alpinisti Tridentini (Sat) ha pubblicato gli annunci di ricerca gestori per i rifugi Bindesi “Pino Prati” e Monte Calino “San Pietro”. Ecco tutti i dettagli. 

Rifugio escursionistico Bindesi “Pino Prati”

La Sat intende affidare a una nuova gestione il Rifugio escursionistico Bindesi “Pino Prati”. Si tratta di un struttura ricettiva posta poco sopra l’abitato di Villazzano, nel Comune di Trento a 611 m. Conosciuta da molti perché prossima alle formazioni rocciose che hanno tenuto a battesimo tanti alpinisti Trentini.

I lavori di costruzione furono avviati nel 1956 da Gruppo Sat Grotta di Villazzano, successivamente divenuto Sezione Sat Bindesi-Villazzano, si conclusero nel 1962. Il rifugio, dedicato a Pino Prati, alpinista Trentino, è stato ampliato nel 1981, altri lavori di adeguamento/ammodernamento sono stati realizzati nel 1991 e nel 2014.

È disposto su due livelli, al piano seminterrato si trovano due depositi, al piano terra: cucina, dispensa, ripostiglio, servizio e sala da pranzo di circa 60 mq. Esternamente una bella terrazza con panorama sulla città. L’accesso fino al rifugio è consentito anche con automezzi.

A differenza di molti altri rifugi, questo è collegato alla rete elettrica, alla fognatura e all’acquedotto. Per il gas, esternamente è interrato uno specifico serbatoio di stoccaggio che dovrà essere ricaricato da ditta autorizzata. 

Rifugio escursionistico Monte Calino “San Pietro”

L'altro rifugio che la Sat intende affidare a una nuova gestione è il “San Pietro”, che sorge sul monte Calino, a 974 m., presso una antica chiesetta del 1683, ma pare risalga addirittura al medioevo, nel comune amministrativo di Tenno. Accanto alla chiesa sorgeva l’antico romitorio, dimora di un eremita, che fu acquistato dalla Sezione Sat di Riva del Garda nel 1930; ampliato e trasformato in rifugio venne inaugurato nel 1931. Tra il 1995 ed il 1996 è stato sottoposto ad una serie di lavori di ristrutturazione.

Questo edificio, che si raggiunge facilmente da Ville del Monte oppure da Calvola, frazione superiore di Ville, ubicato in una posizione felicissima e molto panoramica. E' una struttura in muratura con tetto in legno, disposta su 4 livelli: piano interrato costituito da un volume accessorio con magazzino e servizi igienici; piano terra con cucina, ripostiglio, 2 sale da pranzo di 45 e 12 mq.; primo piano con 5 stanze, ripostigli e 2 servizi igienici; sottotetto adibito a stanza con servizio igienico. Poco a monte del rifugio è presente un’altra costruzione in muratura denominata “Baita Floriani” disposta su due livelli con zona cucina/pranzo, stanza, servizio e soppalco. Esternamente il rifugio dispone di ampia zona a verde. 

A differenza di molti altri rifugi, questo è collegato alla rete elettrica e all’acquedotto. Per il gas, esternamente è interrato uno specifico serbatoio di stoccaggio che dovrà essere ricaricato da ditta autorizzata. Il trattamento delle acque di scarico è costituito da pozzetto disoleatore e fossa imhoff, che dovranno essere regolarmente svuotate. Generalmente, il gestore può accedere con automezzo fino al rifugio, gli ospiti invece devono parcheggiare a circa 500 m, in quanto per l’ultimo tratto di strada vige un divieto di transito.

Come candidarsi 

Chi fosse interessato a richiederne la gestione deve inviare domanda all’indirizzo e-mail: affido.rifugi@sat.tn.it corredata da:

  • dati personali: si prega di compilare e controfirmare la “Scheda A”;
  • documentazione così come richiesta nella “Scheda B” - ATTENZIONE: in merito alla “Scheda B” si precisa che è un riassunto della documentazione che dovrà essere allegata alla presente domanda ma non sostituisce i documenti richiesti.
  • un numero di telefono cellulare e un indirizzo e-mail valido dove poter essere ricontattati

La domanda dovrà essere presentata entro la mezzanotte di domenica 27 febbraio 2022. Comunicazioni posteriori a questo termine o incomplete non saranno considerate.

Inoltre, la Sat precisa che come tra i requisiti soggettivi, il futuro gestore del rifugio, debba inderogabilmente possedere conoscenza del territorio, delle vie di accesso al rifugio ed ai rifugi limitrofi nonché la capacità di apprestare, eventuali, necessarie azioni di primo soccorso, requisiti richiesti dalle norme Provinciali.

Apposita Commissione istituita da Sat vaglierà gli allegati e i documenti prodotti e sceglierà i candidati ritenuti idonei a condurre questa importante struttura della Sat. Tutti i dettagli sono reperibili sul sito della Società degli Alpinisti Tridentini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cercasi gestori per i rifugi San Pietro e Pino Prati: cosa sapere e come partecipare

TrentoToday è in caricamento